Resta in contatto

Nostalgia Chinaglia

Enrico Berlinguer, juventino costretto dalla scorta a vedere la Lazio

L’ex segretario del PCI, Enrico Berlinguer, tifava Juventus, ma la scorta era laziale e spesso era allo stadio a vedere i biancocelesti.

Un compromesso storico in chiave calcistica. E il protagonista non poteva che essere Enrico Berlinguer. Ex segretario del Partito Comunista Italiano, tifoso della Juve, ma costretto in diverse occasioni a seguire la Lazio.

L’aneddoto lo raccontò anni fa tale Vezio Bagazzini, barista in un locale frequentato abitualmente dal celebre politico e dai suoi compagni. La rivista on line contrasti riporta così le sue parole:

Berlinguer il sabato mattina giocava a Villa Ada. Calciava molto bene di destro, ironia della sorte. Era tifoso della Juventus. Quella di Zoff, Furino, Capello e Cuccureddu. Ma la sua scorta, me lo ricordo bene, era tutta di fede laziale, così era costretto ad andare a vedere, allo stadio, le partite della Lazio”

Berlinguer era un amante del calcio in generale. Aveva nel cuore le squadre della sua terra. La Torres e il Cagliari di Gigi Riva in particolare. Ma impazziva letteralmente per il gioco messo in mostra dagli uomini bianconeri guidati da Giovanni Trapattoni. Eppure, per amor di democrazia, faceva contenti gli uomini che lo proteggevano guardandogli le spalle e i fianchi, ritrovandosi così sugli spalti a vedere le aquile biancocelesti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Nostalgia Chinaglia