Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Nostalgia Chinaglia

Lazio, Caicedo: “L’affetto dei laziali mi fa commuovere. Il gol al derby non lo dimenticherò mai. E quel maledetto Covid….”

Lazio, c'è posta per te: il messaggio delle tifose biancocelesti (FOTO)

Ai microfoni di Lazio Style Radio è intervenuto Felipe Caicedo, nel giorno del suo compleanno, parlando dei ricordi biancocelesti.

Entro nel cuore dei tifosi biancocelesti a colpi di zampate, Felipe Caicedo ha lasciato il segno nel mondo Lazio. Ancora oggi i tifosi, anche se non veste più la maglia con l’aquila sul petto, lo ricordano con tanto affetto. Oggi il panterone compie 34 anni e per festeggiare il suo compleanno, oltre ad un video sui social, l’ecuadoriano è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio:

Grazie per gli auguri. I miei ricordi più belli del calcio italiano sono tutti con la Lazio. Sin dalla prima partita, quando vincemmo la Supercoppa, ho iniziato col piede giusto e da lì in poi per me è stato tutto perfetto, anche con le difficoltà del mio primo anno. Ma dopo tutto è andato alla grande. Tutto è stato più semplice quando mi sono ambientato al meglio. La Lazio e i suoi tifosi sono una piazza difficile da conquistare, per me è stato difficile all’inizio, perché l’asticella era sempre alta e io ero la riserva di uno dei più forti giocatori d’Italia. Piano piano, con l’aiuto di tutti a Formello e fuori, le cose sono migliorate. Immobile non te lo devo spiegare io. Che sia forte lo sanno tutti, ma mi ha sempre stupito la sua forza mentale, la sua capacità di essere leader dentro e fuori dal campo. Questo veramente fa la differenza. 

Il 2019 è stato il periodo della mia consacrazione. Quella stagione il mister mi diede ancora più fiducia e io credo di averla ripagata. Il gol al derby non lo dimenticherò mai, perché è stata una delle notti più belle. E poi la finale di Coppa Italia.

Io non sono uno che sta spesso sui social, ma mi piace scambiare pareri anche con i tifosi e quando vedo l’affetto che mi mostrano ancora tanti tifosi, mi viene da piangere. Sono stato in diverse squadre, ma il rapporto con i laziali è diverso. Loro sono nel mio cuore, al primo posto. E il loro affetto è ricambiato. Mai mi sarei immaginato di rimanere tanto tempo alla Lazio, anche dopo il primo anno dove le cose non sono state proprio perfette. Ma questo dimostra la gestione buona che stanno facendo staff e dirigenza. Non è facile lottare contro squadre economicamente più forti, ma la Lazio cerca di mantenere sempre i suoi calciatori. Poi ci sono altre che hanno più facilità nel fare le cose, ma il fatto di essere rimasto a Roma per 4 anni ha reso la Lazio la squadra del mio cuore.

Purtroppo quel maledetto Covid ha fermato tutto. Quell’anno eravamo una squadra forte, solida, in gamba, tutto andava bene. Poi la pandemia ha fermato tutto. Il mio pensiero era quello di tutta la squadra. Ci credevamo davvero. Potevamo fare qualcosa di grande, ma tutto si è infranto, purtroppo. Il mio gol a Cagliari probabilmente ci diede quella stoccata decisiva per crederci davvero. Lì andai in estasi totale, dopo una partita dura. Poi nella top 3 ci metto anche quello al derby e quello con la Juve su assist per Tucu.

La Lazio la seguo ancora e faccio il tifo. Si vede che hanno una nuova identità, giocano bene e secondo me quest’anno può arrivare tra le prime quattro. Spero che ci risentiremo per festeggiare insieme. Un abbraccio a tutti i tifosi e grazie ancora per l’amore e l’affetto. Sappiate che anche qui in Arabia c’è un altro laziale!

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Nostalgia Chinaglia