Resta in contatto

Tatticando

Lazio, analizziamo l’errore sul primo gol del Siviglia

Lazio, primo gol Siviglia

Lazio, la rubrica Tatticando a cura di Michele Tossani per Sololalazio.it

Dopo l’eliminazione della Lazio in Europa League per mano del Siviglia, si dibatte molto in questi giorni sulle responsabilità di Patric in occasione del primo gol segnato dagli uomini di Pablo Machín nella sfida del Sánchez-Pizjuán.

Vediamo dunque di analizzare cosa è successo al ventesimo del primo tempo, al momento del gol di Ben Yedder.

Lazio, il movimento errato di Patric

Per prima cosa, bisogna sottolineare come la rete subita dai biancocelesti sia frutto di una palla persa da Milinkovic-Savic a metà campo, in fase di consolidamento del possesso. L’errato passaggio del centrocampista serbo innesca la transizione della squadra andalusa, velocissima nel ribaltare l’azione.

Su questa ripartenza i tre difensori della Lazio, correttamente, arretrano applicando il concetto di temporeggiamento. Fra i tre c’è anche Patric. Il problema è che il difensore spagnolo arretra ben oltre l’altezza di campo dei suoi compagni di reparto. In particolare, l’ex giocatore del Barcellona si trova in posizione più arretrata rispetto a Radu che, in quel momento, rappresenta l’altro vertice basso del triangolo difensivo completato da Acerbi, uscito in contrasto su Ben Yedder.

Lazio, difesa primo gol Siviglia

Al momento del passaggio dell’attaccante francese verso Sarabia, Acerbi prosegue l’azione cercando di andare a contrasto col numero 17 sivigliano. Il suo intervento è però in ritardo e lo spagnolo riesce a tirare verso la porta difesa da Strakosha.

Nel momento in cui il calciatore spagnolo fa partire il tiro, Patric non è ben allineato con Radu. Di conseguenza, il difensore della Lazio concede quella profondità sufficiente a tenere in gioco Ben Yedder che, sulla respinta del portiere albanese, effettua il tap-in vincente.

Lazio, primo gol Siviglia

Cosa avrebbe dovuto fare invece Patric?

La risposta, ovvia, è che avrebbe dovuto guardare non soltanto palla e avversari ma tenere presente anche la posizione dei compagni. Alcuni allenatori chiedono alla propria linea difensiva di non arretrare fin dentro l’area di rigore: in generale, per questi tecnici, la retroguardia deve fermarsi all’altezza dell’area di rigore (o anche prima per alcuni) per poi effettuare le necessarie coperture previste dalla difesa a zona.

È difficile pensare che Inzaghi chieda qualcosa di diverso ai suoi. Tuttavia, il fatto che anche un centrocampista come Milinkovic-Savic si sia trovato nell’azione all’interno dei propri sedici metri farebbe supporre il contrario. Detto questo, quel che è certo è che Patric, al momento del tiro di Sarabia, si trova in una cattiva posizione, tale da mantenere in gioco Ben Yedder.

Il sito di Michele Tossani: lagabbiadiorrico.com
Il canale YouTube di Michele Tossani: La Gabbia di Orrico

5 Commenti

5
Lascia un commento

avatar
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] Giocando da ‘braccetto’, l’ex canterano del Barcellona ha alternato buone prestazioni a topiche clamorose, come quella nel ritorno dei sedicesimi di Europa League con il Siviglia (ne avevamo parlato qui). […]

trackback

[…] spostamento di Acerbi a sinistra), sarà interessante vedere se Patric, da difensore destro, mostrerà dei progressi dopo la partita di Siviglia e come la Lazio andrà a gestire le sovrapposizioni degli esterni bassi del […]

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Complimenti a Patrik

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Complimenti, ottima idea!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Complimenti per l’analisi

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Vederlo giocare segnare e Gioie ,per lu e per la Lazio"
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Tatticando