Resta in contatto

Tatticando

Lazio, Inzaghi insiste su Patric centrale di destra? Capiamo meglio perché

Lazio, Patric

Lazio, Inzaghi sta utilizzando spesso Patric come centrale di destra: al netto degli errori individuali, analizziamo i motivi di questa scelta – di Michele Tossani

Il pareggio casalingo della Lazio con il Sassuolo ha contribuito ad alimentare ulteriormente il dibattito attorno all’utilizzo che Simone Inzaghi sta facendo di Patricio Gabarrón Gil, meglio noto come Patric.

Esterno di formazione, il 25enne spagnolo è stato ultimamente impiegato nella posizione di centrale difensivo destro nella linea a tre del 3-5-1-1 con il quale si schiera in campo la Lazio.

Premessa: gli errori individuali

Giocando da ‘braccetto’, l’ex canterano del Barcellona ha alternato buone prestazioni a topiche clamorose, come quella nel ritorno dei sedicesimi di Europa League con il Siviglia (ne avevamo parlato qui).

Contro gli emiliani, in misura di certo minore, Patric si è ‘ripetuto’ quando non è riuscito a deviare la conclusine di Lirola, trasformandola in un assist per Rogerio. Come mai allora Inzaghi continua a insistere su questa soluzione?

Ma capiamo il motivo di questa scelta

In assenza di dichiarazioni esplicite in tal senso, possiamo ipotizzare che la scelta sia stata dettata da tutta una serie di motivi di ordine tattico. Schierato come centrale difensivo, Patric garantisce infatti alla Lazio un uomo in più in costruzione in grado di aiutare Acerbi nel gestire la primissima fase di possesso palla.

In questo modo, avendo solitamente un interditore come Leiva davanti alla difesa, i biancocelesti riescono a poggiarsi su due difensori per cercare di dare fluidità alla manovra e per creare i presupposti per stabilizzare il possesso in zone più avanzate di campo.

Avere poi un difensore centrale con qualità di corsa, consente alla squadra di Inzaghi di poter sfruttare i suoi strappi in avanti sia con palla che senza. Con la garanzia, in quest’ultimo caso, di avere un uomo nel mezzo spazio destro, pronto anche ad allargarsi per dare una ulteriore opzione in ampiezza alla fase offensiva biancoceleste.

La sua velocità importante anche in fase difensiva

In transizione difensiva, poi, la velocità dello spagnolo diventa importante per aiutare gli altri due centrali. Ovviamente, Patric resta un esterno adattato: questo comporta che possa avere difficoltà quando si tratta di marcare, soprattutto avversari fisicamente più dotati, nonostante un 55.6% di contrasti vinti a partita. A questo si aggiunge il fatto che debba ancora assimilare appieno i meccanismi della difesa a tre.

L’utilizzo di un ex esterno da terzo centrale non è cosa nuova, soprattutto per le squadre che in fase difensiva tendono a trasformarsi in linee a quattro con lo scivolamento laterale di uno dei due braccetti. Ma Inzaghi non adotta questa strategia, preferendo abbassare entrambi i laterali per costituire una linea a cinque.

Tutto questo sembra far ipotizzare che, al di là dell’aiuto nel coprire attaccanti veloci, l’impiego di Patric come centrale di destra sia stato voluto da Inzaghi per supportare il possesso palla.

 

Se hai trovato interessante quest’analisi tattica, t’invitiamo a dare un’occhiata qui:

Il sito di Michele Tossani: lagabbiadiorrico.com
Il canale YouTube di Michele Tossani: La Gabbia di Orrico

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

…un punto fondamentale di un bravo allenatore…non far comprendere le proprie finalità all’avversario…ne consegue…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

grande michele, sempre puntuale e interessante!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

grazie a te maurizio, mi sembri competente eh ??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Solo che Patric e Marusic so 2 impediti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Buona sera ragazzi vi lascio il link del mio canale youtube faccio video sulla lazio e prendo i giro la roma con i suoi tifosi.
Vi chiedo solo di iscrivervi al canale cosi possiamo divertici tutti insieme e con l’iscrizione mi aiutate nel far crescere il canale e posso continuare con i video.
Auguro una buona giornata a tutti e forza lazio.

https://www.youtube.com/watch?v=81gmQADhI4A

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Finalmente su un sito della Lazio si legge un approfondimento tattico: GRAZIE! Considerazione personale: sempre al netto degli errori individuali, la scelta di Patric mi sembra abbia aiutato molto anche la crescita di Marusic che finalmente ha quell’opzione di appoggio sulla fascia per cercare la profondità o favorire la sovrapposizione altrui (vedi l’azione del rigore con il Sassuolo). Già con accanto Parolo interno di destra, più propenso al contenimento e all’inserimento che al fraseggio Marusic soffriva, ma da quando Inzaghi ha optato per i tre tenori la scelta è diventata quasi obbligata, data la propensione di Milinkovic ad associarsi quasi… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

io neanche in terza categoria lo farei giocare …

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Cristiano D’Urbano incredibile.. ma non la snobberei come soluzione ?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Tatticando