Resta in contatto

Giuseppe Signori

Biografia

Giuseppe Signori nasce ad Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo, il 17 febbraio 1968. Approda in Serie A grazie al Foggia di Zdenek Zeman. Nel 1992 passa alla Lazio, dove rimane per 5 stagioni e mezza, segnando 127 gol in 195 presenze in tutte le competizioni. 

È il secondo miglior marcatore biancoceleste del dopo guerra, il terzo di sempre dietro Piola e Immobile.

Nei primi due anni a Roma vince per due volte di fila il titolo di capocannoniere sotto la gestione di Dino Zoff. I tifosi lo soprannominano “Beppe gol”. Le sue prestazioni contribuiscono a riavvicinare molte persone, che lo vedevano come idolo, ai colori biancocelesti. E con lui la Lazio torna nel ’93 ad affacciarsi sul panorama internazionale dopo 15 anni, ottenendo la qualificazione alla Coppa Uefa. Nel ’94, ritrovato Zeman in panchina, viene impiegato dal boemo come esterno offensivo nel 4-3-3. Divenuto bandiera della squadra di quel periodo, indossa anche la fascia da Capitano tra il ’94 e il ’97.

Nel ’95 la notizia del presidente Cragnotti in parola con il Parma per la sua cessione scatena una furiosa protesta sotto la sede sociale che, di fatto, impone il blocco di ogni trattativa.

Con la Nazionale italiana segna 7 reti in 28 presenze e partecipa alla spedizione di Usa’94. In quel periodo è protagonista di una polemica riguardo il suo impiego in azzurro sotto la gestione di Arrigo Sacchi, reo, secondo molti, di schierarlo in un ruolo poco consono alle sue caratteristiche. Un diverbio tra i due prima della semifinale contro la Bulgaria costa a Signori il possibile impiego anche nella finale, poi persa contro il Brasile.

Nella stagione ’95-’96 vince per la terza volta il titolo di cannoniere della Serie A, unico nella storia laziale a riuscirci. Nel dicembre del ’97 passa alla Sampdoria, anche quella volta non senza malumori della piazza. Poi va al Bologna, fino al 2004, prima di trasferirsi all’Iraklis, in Grecia e chiudere la carriera nel 2006 al Sopron, in Ungheria.

Tutto su Giuseppe Signori

Signori: "L'amore con la Lazio è sbocciato subito. Sono trent'anni che è reciproco"

L’ex bomber biancoceleste Giuseppe Signori è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio. Ecco...

Ultimo commento: "Anche il nostro verso di te Beppe,e segna sempre lui,e segna sempre lui,si chiama Beppe Signori,si chiama Beppe Signori........." Ruggero

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Questa è la pagina che i tifosi dedicano al leggendario bomber Giuseppe Signori, per...

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..." VITTORIO PUCILLO

Carriera & Palmares

Nazionalità: Italiana

Data di nascita: 17 febbraio 1968

Carriera

Giovanili

1980-1983

Inter

1983-1984

Leffe

Club

1984-1986

Leffe

1986-1987

Piacenza

1987-1988

Trento

1988-1989

Piacenza

1989-1992

Foggia

1992-1997

Lazio

1997-1998

Sampdoria

1998-2004

Bologna

2004-2005

Iraklis

2005-2006

Sopron

Nazionale

1992-1995

Italia

Statistiche

Club

Squadra

Presenze

Reti

Leffe

38

8

Piacenza

46

6

Foggia

100

37

Lazio

152

107

Sampdoria

17

3

Bologna

143

67

Iraklis

5

1

Sopron

10

3

Nazionale

Italia

28

7

Bacheca dei trofei

Club

Campionato Interregionale

Leffe: 1984-1985

Campionato italiano Serie C1

Piacenza: 1986-1987

Campionato italiano di Serie B

Foggia: 1990-1991

Coppa Intertoto UEFA

Bologna: 1998

Individuale

Capocannoniere della Serie A (3)

1992-1993 (26 gol)

1993-1994 (23 gol)

1995-1996 (24 gol)

Capocannoniere della Coppa Italia (2)

1992-1993 (6 gol)

1997-1998 (6 gol)

Guerin d'oro

1993

Premio Nazionale Carriera Esemplare "Gaetano Scirea"

2004

I Miti Biancocelesti

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments