Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, parla Inzaghi: “Rabbia e delusione, ma crediamoci ancora!”

Lazio, Simone Inzaghi

Lazio, Simone Inzaghi interviene in conferenza stampa alla vigilia della sfida con l’Udinese: le dichiarazioni del tecnico biancoceleste

Alla vigilia della sfida della Lazio con l’Udinese, Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dal centro sportivo di Formello.

Queste le dichiarazioni rilasciate dal tecnico biancoceleste.

“I giochi sono aperti”

Ci si crede ancora? Certo, i giochi sono aperti. Ho la fortuna di avere dei ragazzi che hanno visto e capito la situazione. Lo scorso anno abbiamo perso la Champions negli ultimi 15 minuti. Mancano partite e punti. Abbiamo fatto allenamenti straordinari, dovremo fare una grande gara con l’Udinese“.

“Non dobbiamo mollare”

Ci sono tantissima rabbia e grandissima delusione. Non meritavamo di perdere dopo il secondo tempo fatto, dovevamo concretizzare il primo tempo e passare in vantaggio. Poi è successo quell’episodio che ci ha condannato, ma che dovremo lasciarci alle spalle. Con la squadra sono stato chiaro, non dobbiamo mollare. È normale che quello che è accaduto potrebbe demotivare la squadra, ma ho la fortuna di avere un gruppo straordinario che sa che non dobbiamo abbatterci“.

Abbiamo l’obbligo di mettercela tutta e di crederci, ho ragazzi maturi che sanno che è tutto aperto. L’Udinese è in buon momento, sabato non avrebbe meritato di perdere“.

“Ho un sogno”

Perché la Lazio fa giurisprudenza? Il mio sogno d’allenatore sarebbe quello che si possa recriminare solo sui miei errori, su quelli dei miei giocatori in campo. Quest’anno stiamo recriminando ancora su altri fattori“.

“Calvarese arbitro importante”

Per quanto riguarda gli arbitri, Calvarese è un arbitro importante e in grandissima ascesa. Ma io ho l’obbligo di concentrarmi sulla mia squadra. Ho in testa solo l’Udinese nello scegliere gli uomini migliori per la partita di domani“.

La situazione degli infortunati

Radu e Marusic hanno svolto un lavoro parziale con la squadra, dovrò valutare oggi“.

Correa ha preso questa brutta botta con Romagnoli nel finale di primo tempo. Gli esami hanno escluso versamenti, valuteremo se riusciremo a recuperarlo per domani o per sabato contro il Chievo“.

Su Acerbi

Acerbi ha fatto due ottimi allenamenti, è coinvolto nel nostro progetto e domani ci darà una mano contro l’Udinese“.

“Ingiusta l’ammonizione a Luis Alberto”

Non so che modulo adotterà l’Udinese domani, è una squadra attenta e concentrata con giocatori di gamba. L’ammonizione di Luis Alberto è anche costata l’espulsione a me, non c’era assolutamente fallo e non era una sanzione giusta. Per domani ci sono giocatori come Parolo, Cataldi e Jordao che possono sostituirlo“.

 

Leggi anche:

Lazio, la posizione della società sulle decisioni del Giudice sportivo

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Lazio, parla Inzaghi: “Rabbia e delusione, ma crediamoci ancora!” […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Approfondimenti