Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, vediamo le novità dalla rifinitura anti Udinese

Lazio, Corriere dello Sport: "Correa dove sei finito?"

La Lazio prepara la sfida di domani contro l’Udinese: le ultime dalla rifinitura di Formello, alla vigilia della gara dell’Olimpico

La Lazio a lavoro a Formello per la rifinitura della vigilia: domani i biancocelesti affronteranno l’Udinese all’Olimpico (ore 19, diretta tv su Sky) con l’obiettivo di rilanciarsi nella corsa alla Champions.

Al posto di Luis Alberto

Simone Inzaghi deve fare i conti innanzitutto con la squalifica di Luis Alberto: al posto dello spagnolo, tornerà titolare Marco Parolo. Chi invece non ha preso parte all’allenamento è Danilo Cataldi, altro indiziato per il centrocampo.

Il Tucu assente

Assente anche Joaquin Correa: sulla disponibilità del Tucu – a rientrare quantomeno tra i convocati – rimane il punto interrogativo. Felipe Caicedo sente già sua la maglia da titolare accanto a Immobile. A completare il pacchetto offensivo, il tecnico biancoceleste ha chiamato con sé per la rifinitura Federico Scaffidi.

Non partecipa neanche Marusic

Un altro Primavera, Mauro Zitelli, ha preso invece il posto di Adam Marusic: il montenegrino continua a essere alle prese con un problema all’adduttore, più facile vederlo a disposizione per la sfida di sabato con il Chievo.

Ballottaggi in difesa

I nodi maggiori riguardano la difesa: Patric sembra aver sorpassato Luiz Felipe (provato in posizione centrale come alter ego di Acerbi). Le prove tattiche vedono a pieno regime Stefan Radu, con Inzaghi che si riserva ancora il dubbio con Bastos.

La probabile formazione

3-5-2: Strakosha; Patric, Acerbi, Bastos; Romulo, Parolo, Leiva, Milinkovic, Lulic; Caicedo, Immobile

 

Leggi anche:

Lazio, parla Inzaghi: “Rabbia e delusione, ma crediamoci ancora!”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Capello a SKY ha dichiarato che la maglia di Acerbi è stata alzata per omaggiare il nostro calciatore e non per sbeffeggiarlo. SCHIFOSO

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Casa Lazio