Resta in contatto

News

Zenit – Lazio, Malafeev: “I russi non sono deboli: si capirà chi passerà”

Champions League, vittoria per il Borussia Dortmund e il Cholo

Zenit – Lazio è la terza giornata del gruppo F:partita presentata così dall‘ex portiere Vjačeslav Malafeev, calciatore più presente nella storia dello Zenit con 442 apparizioni, intervenuto a S.S.Lazio Agenzia Ufficiale

Domani ci sarà Zenit-Lazio: che partita ti aspetti?
“Sarà un confronto equilibrato, al termine del quale sarà possibile dare una percentuale su chi verrà eliminato dal girone. Mi aspetto un match difficile per entrambe: lo Zenit è a zero punti ma non è una squadra debole, nonostante le sconfitte contro Club Brugge e Borussia Dortmund”.

Saranno più decisive le difese o gli attacchi?
“Penso che l’esito dipenderà principalmente dai calciatori offensivi delle due squadre. Mi aspetto una gara intensa da parte dello Zenit: se attaccherà con continuità e qualità, la Lazio farà fatica a ripartire e contenere”.

Sei sorpreso dalla momentanea classifica del gruppo F?
“La Lazio ovviamente è forte ma lo Zenit giocherà in casa, quindi mi aspetto un approccio più intraprendente da parte sua. Se i russi vincono ed il Club Brugge pareggia con il Borussia Dortmund, tutto torna in discussione. Fino alla terza giornata di domani, tutte le squadre rischiano di uscire dal girone”.

Quali sono i punti di forza dello Zenit?
“Gli uomini di Semak giocano meglio in casa, anche con lo stadio parzialmente chiuso. Inoltre non avranno nulla da perdere dopo le due sconfitte iniziali, quindi dovranno attaccare molto per provare a conquistare i tre punti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Tifo SS Lazio da quando ero… un bambino grazie a lui, Beppe Signori! Anche per i colori e stile di gioco, spumeggiante… Prima (e Unica)..."
Advertisement

Altro da News