Resta in contatto

Giulio Cardone

Zenit – Lazio, le Cardopagelle: Il Panterone su tutti, Hoedt si riscatta e aspettiamo Muriqi

Cardopagelle

Zenit – Lazio finisce 1-1 con il gol nel finale di Caicedo: ecco le pagelle a cura del direttore Giulio Cardone

Reina 6

Nulla poteva sul gol, per il resto sempre molto sicuro con i piedi. Io amo le sue urla ai difensori.

Patric 6.5

Partita con le antenne accese per 94 minuti. Riportato nel ruolo di difensore centrale perché Luiz Felipe non era al meglio, non commette errori e si rende utile in fase di costruzione. Bravo.

Hoedt 7

Lo premio, anche se in occasione del gol poteva fare un passo in avanti e mettere in fuorigioco chi ha segnato, perché per il resto è stato impeccabile in entrambe le fasi. Con un salvataggio portentoso (e coraggiosissimo) in tackle a impreziosire la prova. Ha riscattato, decisamente, l’errore di Torino.

Acerbi 6.5

Gara double face: malino in difesa, dove si fa beffare dal gigante Dzyuba sull’1-0, benissimo nelle discese e nei cross. Suo l’assist intelligente per la zampata del Panterone nostro.

Marusic 6

Un po’ timido, stavolta, anche perché poco coinvolto nel gioco. L’importante è che torni arrembante domenica con la Juve. Subisce un fallo da rigore, forse.

Milinkovic 7-

Il “meno” è per l’errore tremendo che poteva costare la sconfitta all’ultimo secondo, uno spavento che il nostro cuore stressato non meritava. Ma il fuorigioco ha annullato la nefandezza. Mi è piaciuto come ha preso sulle spalle la squadra in particolare nel primo tempo, regista a tutto campo e riferimento per i compagni. Che umilmente gli consegnavano il pallone che lui, regale, governava con la solita classe. Flessione nella ripresa, ma poi due tentativi interessanti nel finale. Domanda: era reduce dal gran gol su punizione di Torino, perché non ha tirato lui invece di Cataldi (che pure è uno specialista, per carità, ma Sergej ha il piede più caldo, al momento)?

Parolo 6

Sempre attivo e vivace, cerca di tenere i compatti i reparti e ci riesce quasi sempre. Non può diventare anche rifinitore, no.

Akpa Akpro 6

Bene quando c’è da recuperare il pallone, male stavolta in fase di possesso: troppi errori di misura. Ma ha cambiato tanti ruoli nella stessa partita – perfino laterale destro nel 3-4-2-1 – e il suo lavoro resta essenziale in questo momento. Quegli errori in palleggio forse sono figli della stanchezza (speriamo di no, eh).

Fares 5.5

Ingolfato, non riesce a piazzare cross efficaci: si limita a fare da spalla ad Acerbi, invece deve osare di più. Ne apprezzo il sacrificio perché gioca sempre nonostante la condizione precaria, ma non è il Fares che abbiamo ammirato nella Spal: tornerà su quei livelli, ne sono certo.

Correa 5.5

L’intesa con Muriqi non funziona, i due si conoscono poco. Qualche iniziativa in più nella ripresa, un sinistro pigro, nel complesso insufficiente. Non era il Tucu brillante di Bruges, per capirci.

Muriqi 5.5

Finalmente un tiro verso la porta, di testa, ma alto. Un buon inizio, con sponde e tanto movimento, poi non riesce a rendersi pericoloso: allora ha l’umiltà di giocare per la squadra, come sempre, ma da lui si pretende di più. Aspettiamolo.

Caicedo 9

Micidiale per coordinazione, tempismo e tecnica il sinistro dell’1-1. Il graffio della Pantera, l’uomo della provvidenza. Ci fa impazzire, questo ragazzone che sa colpire quando tutti pensano sia finita, sa sorprendere quando tutto sembra perduto. Goleador vero, altroché.

Pereira 5.5

Sinceramente anonimo, lo Zenit coperto non concede spazi e lui non riesce a inventarli. Eppure è stato utilizzato nella sua vera posizione, da trequartista. Un passo indietro rispetto a Torino.

Cataldi 6.5

Entra col piglio giusto, gestisce bene tanti palloni a centrocampo. E altri ne recupera con tenacia: cresce, Danilo. Ed è un’ottima notizia.

Luiz Felipe sv

Inzaghi 8

Questa squadra è il simbolo della resilienza. Sa organizzare i suoi, oltre che motivarli, in ogni occasione e nonostante le assenze: i pirati giocano anche per lui, il capobanda. Che merita il rinnovo, si spera arriverà durante la sosta di campionato.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Pereira ottimo, rapido e tecnico, altro che 5,5

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Ragazzi vi rendete conto che stiamo andando più che bene con la panchina che per molti non abbiamo?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Con Massa si vinse nel 2017 la supercup

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

16000

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Pur nel rispetto estremo per SMS vera colonna portante, ma in termini economici ( possibile eliminazione) quanto sarebbe costata la leziosita’ finale?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

muriqi e fares 2 bidoni..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Si doveva fare di più. Volevano far partire Caicedo, ha risolto 2 partite di seguito, determinante. Correa e Muriqi pure meno di 5.5

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Pereira ha dato la svolta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Aspettando Muriqui ma anche Fares. E se diventassero utili fra qualche settimana?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Correa 5 irritante senza veleno, a.akpro 5…a me pereira non e’ dispiaciuto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Correa 4 Parolo 5 gli altri giusti .

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Per me il più grande attaccante della Lazio di tutti i tempi"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Tutto giusto cara Rita.... Anni IRRIPETIBILI e squadra INARRIVABILE"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Grande, antiromanista, unico"

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"

Altro da Giulio Cardone