Resta in contatto

News

Lazio, le parole di Fascetti: “Non capimmo subito l’importanza di quanto fatto”

Il mister dei -9

Eugenio Fascetti, allenatore della Lazio “dei -9”, ha parlato in radio questa mattina ricordando quell’impresa.

Allenatore della Lazio tra i più amati di sempre. In panchina tra l’86 e l’88, fu artefice, in due annate, del miracolo “dei -9” e dell’ultima promozione in serie A. Eugenio Fascetti questa mattina, nell’anniversario del gol di Fiorini, è intervenuto a Elle Radio per ricordare quei momenti cruciali della storia biancoceleste.

“Non ci accorgemmo subito dell’importanza di quello che avevamo fatto. Ci è voluto un po’ di tempo. Se ancora oggi quella squadra gode di un tale alone di simpatia straordinario tra i tifosi, vuol dire che abbiamo realizzato qualcosa di veramente speciale”

Nel corso della chiacchierata, poi, non è mancato un pensiero sulla Lazio di oggi e su Inzaghi.

“Inzaghi sta crescendo bene come tecnico. Per fare il salto di qualità però ha bisogno di giocatori veri che facciano la differenza. Con questo organico difficile fare molto di più. A volte la sua Lazio ha avuto momenti di sbandamento: in pochi minuti si sono compromesse partite giocate anche molto bene. È accaduto l’anno scorso con il Salisburgo e l’Inter. E anche quest’anno contro Spal, Sassuolo e Chievo. Potrebbe essere una carenza di personalità. Forse alcuni giocatori con determinate caratteristiche mentali potrebbero correggerlo”.

 

Leggi anche:

Calciomercato Lazio, indiscrezione Nahitan Nandez

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da News