Resta in contatto

News

Lazio-Bologna, Parolo: “Siamo un tutt’uno con il mister”

Lazio-Bologna, Parolo: “Siamo un tutt’uno con il mister”

Lazio-Bologna, al termine del match è Marco Parolo a raggiungere la sala conferenze per i commenti post partita. “Bella e divertente”

Al termine di Lazio-Bologna, Marco Parolo commenta la prestazione della squadra al posto di mister Simone Inzaghi che già ieri aveva saltato la consueta conferenza pre partita. Queste le sue dichiarazioni:

“Abbiamo fatto una partita bella e divertente. Volevamo vincere e ci abbiamo provato fino alla fine per dimostrare che non abbiamo ancora staccato la spina.

La nostra stagione è stata sia un bicchiere mezzo pieno sia mezzo vuoto. Mezzo pieno perché abbiamo conquistato la Coppa Italia e l’Europa League; il bicchiere mezzo vuoto perché non siamo riusciti a giocarcela per la Champions League fino alla fine. È vero che andare più avanti possibile in tutte le competizioni toglie sicuramente qualche energia, ma deve essere anche la nostra forza.

Sicuramente la squadra ha sia esperienza sia gioventù e dobbiamo portare avanti questo ciclo, comunque abbiamo vinto due trofei e abbiamo giocato tre finali negli ultimi anni. Abbiamo una mentalità vincente anche se a volte è quest’anno è mancata la lucidità, ma se riusciamo a tenere una certa mentalità allora possiamo arrivare lontano. Ci manca uno step, lo sappiamo, ci stiamo lavorando e andiamo avanti.

In merito al futuro di Simone Inzaghi…

“Abbiamo dimostrato che il nostro mister è un tutt’uno con la squadra è il nostro ciclo continua con lui.

Il numero 16 della Lazio ha commentato la prestazione biancoceleste anche ai microfoni di Sky Sport.

”L’Europa League era l’obiettivo minimo e lo abbiamo centrato, la Champions League no. Ci riproveremo. Il ciclo è vincente con questi trofei. La squadra ha voglia di vincere e di andare avanti in ogni partita. Ho sempre pensato che prima o poi sarebbe arrivata anche la panchina. Ci sta, essere squadra è anche questo. Anche chi entra può essere decisivo, vedi Milinkovic. La squadra ha un unico obiettivo: vincere.

Il mister aveva voglia di vincere questa partita e ci ha trascinati. Lui ci tiene, ha voglia e noi lo seguiamo. Si sta bene con Inzaghi e poi mi fa giocare (ride). Il nostro è un percorso. Si pensi al Napoli, prima di stabilizzarsi al secondo posto, è arrivata diverse volte quarta o quinta. Il nostro errore è che abbiamo cali di attenzione ma questa squadra ha un potenziale enorme.

 

Leggi anche:

Lazio-Bologna, CARDOPAGELLE: Bastos alla Del Piero, Correa alla Kaká

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News