Resta in contatto

Tatticando

Lazio e la “rivincita” con l’Atalanta: come e dove deve intervenire Inzaghi

Finale Coppa Italia, Ciro Immobile

La sconfitta con l’Atalanta può servire alla Lazio per trovare le contromisure contro la squadra di Gaperini, in vista della finale – a cura di Michele Tossani

La Lazio esce battuta sul piano del punteggio (1-3) e del gioco dalla prima sfida contro l’Atalanta in programma in questo maggio. Con questa sconfitta, i biancocelesti escono definitivamente dal giro Champions, restando comunque aggrappati alla zona Europa League.

Oltre a chiudere i sogni per l’Europa che conta, la sconfitta dell’Olimpico è però servita a saggiare le forze in campo e ha dato a Inzaghi alcuni spunti interessanti sui quali riflettere, in vista della finale di Coppa Italia.

Gasperini’s way: quadrilateri laterali e duelli uno vs uno

Dal punto di vista tattico, l’Atalanta ha confermato quanto sia ormai consolidato il gioco degli uomini di Gasperini. In fase offensiva, il possesso palla è volto alla creazione di quadrilateri laterali a diverse altezze di campo: lo scopo è quello di muovere palla per corsie esterne svuotando il centro del campo.  In fase difensiva, l’idea è quella di creare duelli uno contro uno in tutte le zone del campo, sfruttando l’aggressività e le giocate d’anticipo dei propri giocatori.

La trappola creata dal Papu

All’interno di questo tipo di gioco si sono poi visti alcuni patterns abituali dei bergamaschi, a cominciare dalla posizione del Papu Gomez. Per tutto il primo tempo l’attaccante argentino si è abbassato all’altezza della linea di de Roon e Freuler (a volte anche più in basso) per aiutare la fase di possesso della squadra e per manipolare il sistema difensivo laziale.

Lazio, la posizione di Gomez dell'Atalanta

Gomez si abbassa a ricevere palla dai centrali difensivi

Questo movimento lasciava Zapata e Ilicic come riferimenti avanzati. Entrambi gli attaccanti andavano a giocare nei rispettivi mezzi spazi, dove dovevano essere contrastati dai braccetti laziali. Purtroppo per loro, sia Bastos che soprattutto Wallace sono andati sempre in difficoltà nei confronti dei rispettivi avversari.

Sarebbe servito un lavoro diverso da parte di Leiva

In questo non sono nemmeno stati aiutati da Leiva. Il brasiliano, giocando davanti alla difesa, si trovava spesso senza avversario dato che, come detto, Gomez arretrava a centrocampo. Di conseguenza l’ex Liverpool avrebbe potuto cercare di pressare più da vicino l’argentino, per non lasciare Parolo e Luis Alberto in condizione di inferiorità numerica contro i mediani bergamaschi. Oppure Inzaghi avrebbe dovuto chiedergli di scivolare esternamente in aiuto di Bastos e Wallace.

Nessuna delle due soluzioni è stata adottata e la Lazio ha avuto difficoltà tanto a metà campo quanto nella gestione dei due giocatori avversari più avanzati. Difficoltà che si sono mantenute anche quando l’Atalanta, nei secondi 45 minuti di gioco, ha riportato Gomez in posizione più avanzata, nel mezzo spazio sinistro, per formare con Ilicic la coppia a supporto di Zapata.

Ilicic e Zapata in Lazio-Atalanta

Ilicic e Zapata nel raggio d’azione dei braccetti laziali con Gomez da trequarti

Il sopravvento preso dall’Atalanta e l’inserimento di Correa

Anche se la primissima parte di gara aveva fatto immaginare una Lazio in grado di contrastare l’Atalanta sul terreno proprio dell’aggressione e della fisicità, col trascorrere del tempo i bergamaschi hanno preso il sopravvento.

Lazio-Atalanta, Expected Goals

L’andamento degli xG (Expected Goals) , nel modello understat.com, evidenzia la maggior pericolosità offensiva dell’Atalanta nel corso della partita

Le cose sono leggermente migliorate quando, nel corso della ripresa, Inzaghi ha inserito Correa col compito di giocare fra fascia e mezzo spazio sinistro in coppia con Luis Alberto. Da quel momento la Lazio ha preso in mano il pallino del gioco, riuscendo alla fine a portare dalla propria parte il dato relativo al possesso palla totale (56% contro 44%), anche se il dato è drogato dagli ultimi 18 minuti di partita nei quali i biancocelesti hanno avuto un possesso del 78%.

Possesso palla posizione Lazio-Atalanta

Le posizioni medie del possesso palla laziale nel secondo tempo con, in verde, i giocatori subentrati

Cosa potrebbe fare Inzaghi per la finale

È, il 4-3-3, un sistema riproponibile in vista della prossima e più importante sfida di coppa Italia? Sicuramente, sulla carta, il sistema con i tre attaccanti consentirebbe alla Lazio di poter disporre di un riferimento in più in avanti rispetto alle due punte (o alla punta e mezza) solitamente utilizzati da Inzaghi.

In più, i biancocelesti avrebbero a disposizione una coppia di esterni su entrambe le fasce. Di contro, resterebbe il problema della gestione dei mezzi spazi alle spalle degli interni di centrocampo.

Al di là del modulo sarà però importante la sua interpretazione e la scelta degli uomini per andare ad affrontare le folate offensive dell’Atalanta. Ma anche per cercare di manipolare il sistema difensivo a uomo di Gasperini, attraverso movimenti che attraggano i difensori nerazzurri fuori posizione, permettendo gli inserimenti di giocatori come Parolo, apparso in ottima forma.

A questo dovrà poi aggiungersi la capacità di lettura della partita da parte di Inzaghi e del suo staff, fondamentale per intervenire al momento giusto con cambi adeguati.

 

Se hai trovato interessante quest’analisi tattica, t’invitiamo a dare un’occhiata qui:

Il sito di Michele Tossani: lagabbiadiorrico.com
Il canale YouTube di Michele Tossani: La Gabbia di Orrico

 

Leggi anche:

Lazio, Caicedo nella Top 5 della Serie A per media gol/tiri

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Tatticando