Resta in contatto

Tatticando

Lazio, vediamo come Inzaghi ha vinto il duello con Gattuso

Lazio, Simone Inzaghi

Lazio, il successo in Coppa Italia contro il Milan è stato anche e soprattutto il capolavoro tattico di Simone Inzaghi contro Gattuso – di Michele Tossani

La Lazio esce vittoriosa dalla partita di ritorno col Milan e si prepara ad affrontare l’Atalanta in una finale di Coppa Italia che, oltra a portare un trofeo nella bacheca biancoceleste, potrebbe voler dire anche accesso diretto all’Europa League.

Per avere la meglio su un Milan volenteroso ma confusionario, disposto in un sorprendente 3-4-2-1 da Gattuso, Simone Inzaghi ha optato per far percorrere alla propria squadra la ‘strada vecchia’.

Il Milan non ha sfruttato i mezzi spazi

L’allenatore degli aquilotti ha infatti disposto i suoi nell’ormai classico 3-5-1-1 con il centrocampo di qualità che prevede Milinkovic-Savic e Luis Alberto mezzali e con Correa alle spalle di Immobile.

Il punto debole, sulla carta, dello schieramento biancoceleste (e quello sul quale sembra aver puntato Gattuso con la sua scelta del 3-4-2-1) è dato dalla difesa dei mezzi spazi ai lati di Leiva.

Tuttavia il Milan solo raramente riesce a innescare Suso e Castillejo o a servire gli inserimenti di Kessié. Questo sia perché i trequartisti del Milan (in particolare Suso) si abbassano troppo per ricevere – negando di fatto superiorità posizionale al possesso rossonero – sia per il lavoro dei braccetti biancocelesti (Luiz Felipe e Lulic) che si alzano riuscendo a chiudere i corridoi ai lati di Leiva.

Suso in Milan-Lazio

Suso si abbassa per ricevere senza però dare alla squadra superiorità posizionale oltra la linea dei centrocampisti laziali

Il baricentro basso della Lazio

La Lazio, poi, difende con un baricentro basso (43.55 metri di media sul possesso avversario), preoccupandosi più di chiudere le linee di passaggio all’interno della propria metà campo che di andare alla conquista alta della palla.

Di conseguenza, il Milan riesce a gestire agevolmente la prima costruzione sfruttando il tre contro due dei suoi difensori centrali nei confronti di Correa e Immobile, ma non risulta pericoloso nella trequarti offensiva.

Il passaggio al 4-4-2 offensivo, con Cutrone appaiato in avanti a Piatek e con Suso e Çalhanoğlu esterni, non migliora la fase offensiva rossonera.

Il centro-sinistra come zona d’attacco

Dal canto suo, in fase di possesso la Lazio ha invece utilizzato a proprio vantaggio la tendenza ad attaccare nella zona di centro-sinistra. Qui si allargava Immobile e spesso si trovava ad agire anche Correa. In combinazione con Luis Alberto, si venivano a creare situazioni di superiorità numerica contro le quali il Milan non riusciva a trovare le necessarie contromisure.

Lazio, le statistiche di Luis Alberto contro il Milan

La partita di Luis Alberto nelle statistiche SofaScore

Al di là del gol, venuto a seguito di un triplice errore milanista in situazione di calcio d’angolo a favore, la Lazio riusciva a rendersi pericolosa in più di una occasione, giocando il calcio a lei più congeniale: quello fatto di rapide transizioni attraverso un gioco associativo che riusciva a coinvolgere i giocatori di maggior talento a disposizione della squadra di Inzaghi.

 

Se hai trovato interessante quest’analisi tattica, t’invitiamo a dare un’occhiata qui:

Il sito di Michele Tossani: lagabbiadiorrico.com
Il canale YouTube di Michele Tossani: La Gabbia di Orrico

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Tatticando