Resta in contatto

Parola ai tifosi

Milan-Lazio, ora trasformiamo questa rabbia per vincere

Milan-Lazio, Francesco Acerbi

Milan-Lazio, il nostro amico Giovanni parla della rabbia per l’epilogo della sfida di San Siro e di come sia necessario sfruttarla nelle prossime gare

Lo confesso: avendo vissuto per anni a Milano, nella mia personale graduatoria delle squadre più antipatiche c’è il Milan al secondo posto, giusto dietro i ventisettini.

I rapporti con loro sono conflittuali dai tempi di Chinaglia, che piegò le mani a Belli con annesse polemiche su Lo Bello per il goal annullato a Chiarugi; al calcio scommesse che vide coinvolti tesserati di entrambe  le società; ai torti arbitrali dello scudetto 1998/99. Fino ad arrivare al gol di mano di Cutrone e all’infame pagliacciata di fine partita con la maglia di Acerbi mostrata come trofeo.

Della partita poco da dire, se non l’ennesimo palo di Ciro, un predominio sterile e non finalizzato, un plotone di esecuzione pronto a colpire alla prima occasione. In quattro giorni ci giochiamo tutte le restanti speranze di campionato all’Olimpico, tra Udinese e Chievo.

Non c’è tempo per piangere, solo da mettere in campo tutta la rabbia repressa e conquistare sei punti.

Avanti Lazio, avanti Laziali!
@surfingcasarba

 

Leggi anche:

Mimun su Twitter: “La maglia meglio darla ai bambini”

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da Parola ai tifosi