Resta in contatto

Tatticando

Lazio, scopriamo come è cambiata la musica con i Fab Four in campo

Lazio, il nostro Michele Tossani ci spiega i benefici generati dall’idea adottata da Inzaghi

La travolgente vittoria della Lazio contro il Parma non ha soltanto rilanciato ulteriormente le ambizioni Champions dei biancocelesti, ma anche dato conferma del buon momento che sta attraversando la compagine allenata da Simone Inzaghi.

Una Lazio che non brillava

Eppure, questo campionato non era cominciato sotto i migliori auspici. I risultati erano stati altalenanti (quattro vittorie e tre sconfitte nelle prime 7 partite di campionato). Soprattutto, i biancocelesti avevano confermato il trend dello scorso hanno che li vedeva in difficoltà negli scontri diretti (dopo 10 giornate la squadra di Inzaghi aveva già perso contro Napoli, Juventus, Roma e Inter).

A venir meno era stato soprattutto il reparto avanzato, complice l’avvio difficoltoso di elementi come Luis Alberto e Milinkovic-Savic, la cui incidenza a livello offensivo (in termini di Expected Goals, gol realizzati e assist) aveva notevolmente contribuito al brillante campionato effettuato dalla Lazio la scorsa stagione.

Ecco l’idea: spazio ai Fab Four

Le cose sono migliorate quando Inzaghi ha inserito Correa nell’undici titolare al fianco dello spagnolo, del serbo e di Immobile. Quando la Lazio si è schierata con il trequartista argentino, Luis Alberto, Milinkovic-Savic e uno fra Immobile e Caicedo, è parso evidente il cambio di marcia registrato dalla squadra.

Utilizzati contemporaneamente contro Cagliari, Bologna e Torino sul finire del 2018 (un trittico durante il quale i laziali hanno ottenuto 7 punti), per poi tornare insieme dal primo minuto due settimane dopo con la Juventus (sconfitta 2-1 ma ottima prestazione globale dell’undici biancoceleste), i Fab Four sono stati schierati sia nel derby vinto 3-0 (con Immobile che è entrato in campo dopo appena 25 minuti in sostituzione dell’infortunato Caicedo) che nelle ultime due partite contro la Fiorentina (1-1 dopo una prima metà nettamente dominata) e, appunto, col Parma.

Con Luis Alberto e Milinkovic-Savic schierati come interni di centrocampo e Correa a ridosso di Caicedo o Immobile, Inzaghi non ha cambiato il sistema di gioco, che resta il 3-5-1-1, ma l’approccio tattico della squadra.

I benefici di questa soluzione tattica a livello offensivo…

La fase offensiva rimane quella di una squadra che non predilige il possesso quanto invece la ricerca della verticalità. Questa tendenza della squadra di Inzaghi è stata accentuata dalla presenza dei quattro giocatori offensivi in questione.

In particolare, l’utilizzo di Luis Alberto e Milinkovic-Savic da mezzali ha dotato i biancocelesti di due interni portati ad attaccare di più rispetto a quando Inzaghi schierava un uomo più di equilibrio come Parolo.

Lazio, azione offensiva vs Parma

Un’azione offensiva della Lazio contro il Parma: sulla conduzione di Acerbi, Marusic e Lulic danno ampiezza mentre il centro è occupato da ben tre giocatori

In pratica, con gli esterni a dare ampiezza, a coprire i tre difensori centrali in fase di possesso resta il solo Leiva, mentre Luis Alberto e Milinkovic-Savic accompagnano appunto l’azione offensiva. Di conseguenza, la Lazio riesce ad occupare con più uomini e più qualità la trequarti e l’area di rigore avversaria.

Se confrontiamo poi i dati relativi alle ultime tre partite e li confrontiamo con quelli dei tre incontri precedenti (cioè le ultime tre uscite senza i Fab Four in campo) vediamo come La Lazio abbia segnato di più (otto reti contro tre) e prodotto di più in termini di Expected Goals (1.64 contro 1.27).

Lazio, Lulic vs Fiorentina

Un raddoppio portato da Lulic. La squadra sembra migliorata anche in fase difensiva: sono 35.3 i palloni rubati in media dai laziali nelle ultime tre partite, a fronte dei 31.3 delle tre uscite precedenti

La maggior qualità che la squadra può utilizzare, quando Inzaghi schiera i Fab Four, la si ritrova anche a livello di transizioni. Quelle offensive, da sempre punto di forza dei biancocelesti, hanno guadagnato proprio in qualità e imprevedibilità dalla contemporanea presenza di giocatori dall’elevato tasso tecnico.

… e quelli a livello difensivo

Ma i benefici si riscontrano anche a livello di transizioni difensive: portando infatti più uomini nel terzo offensivo, la Lazio può contare su più giocatori al momento di riaggredire immediatamente una volta perso il possesso o, comunque, gli avversari devono poi percorrere più metri di campo per arrivare a impensierire la porta biancoceleste.

In conclusione, come affermato da Paolo Di Canio, con questa mossa Inzaghi ha di fatto ‘liberato’ la Lazio, esaltandone il potenziale offensivo. La squadra ha avanzato il baricentro in possesso (media di 54.47 metri nelle ultime tre gare) e anche in non possesso la squadra non difende più soltanto con un baricentro basso ma leggermente più avanzato (46.12 metri di media sempre negli ultimi 270 minuti di gioco).

 

Se hai trovato interessante quest’analisi tattica, t’invitiamo a dare un’occhiata qui:

Il sito di Michele Tossani: lagabbiadiorrico.com
Il canale YouTube di Michele Tossani: La Gabbia di Orrico

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Il più grande centrocampista della Lazio,sempre dopo Antonio Elia Acerbi,non gli ho visto mai passare la palla indietro😳"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mitoche non dimenticherò mai"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Tatticando