Resta in contatto

News

Lazio, Cataldi: “Migliorati ma volevamo vincere. Derby? Pensiamoci venerdì”

Il centrocampista laziale è intervenuto a bordocampo ai microfoni di Dazn

Ecco le sue dichiarazioni: “Il gol non è il mio forte e ne faccio pochi però il pareggio è stato prezioso per evitare la sconfitta anche se volevamo la vittoria. Il gol subito ad inizio primo tempo non ci voleva anche se siamo migliorati. Il mister è bravo a coinvolgerci in allenamento. Io faccio di tutto per metterlo in difficoltà nelle scelte, anche se giocare qui non è facile coi giocatori che abbiamo. Ad inizio secondo tempo abbiamo perso le certezze col gol subito. Tra l’altro noi dobbiamo assimilare velocemente tutti gli schemi di Sarri per poter iniziare a vincere. Derby? Ci penseremo da venerdì, ora abbiamo il Torino giovedì”.

Cataldi è poi intervenuto anche a Lazio Style:

“Mai facile entrare in quelle situazioni. Al di là del gol sono contento che siamo riusciti almeno a pareggiare. Sarebbe stato un peccato uscire da casa nostra con 0 punti. Ora ci rimettiamo al lavoro perché giovedì c’è un’altra partita complicata.

L’esultanza per Thomas è perché lo conosco da una decina d’anni e siamo cresciuti insieme, ma penso lo avrebbe fatto chiunque. Era importate fargli sentire la nostra vicinanza.

Penso che stiamo facendo passi avanti. In questo momento non arrivano i risultati, ma quando ci saranno tutti vedranno i frutti del nostro lavoro. Pensiamo un passo alla volta. A Torino sarà complicata. Hanno un gioco differente rispetto agli altri e Juric, che abbiamo visto tutti l’anno scorso a Verona, sa far giocare bene la squadra.

Oggi penso che abbiamo prodotto tanto in attacco. In qualche situazione si può andare diretti in porta, ma Sergej e Luis Alberto, se hanno la possibilità possono provare il tiro. I frutti del nostro lavoro si vedranno. Quest’anno è cambiato tutto, dal modulo alla mentalità. Ci vuole tempo“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da News