Resta in contatto

Rubriche

Serie A, tutto il contrario di tutto: basta decisioni contorte e revisioni

Serie A, il Covid è un problema serio e va affrontato come tale. Quindi, innanzitutto, con estremo rispetto

Di Daniele Ercolani

Il calcio professionistico è un uno di quei settori che (per fortuna) sta attuando protocolli per andare avanti, nonostante le difficoltà. Il problema però sembrerebbe un altro: le regole – tanto per cambiare – non sono chiare.
O meglio, sarebbero anche chiare ma l’attuazione delle stesse sembra molto contradditoria.
Già con l’integrazione di mille regole successive al VAR e al continuo cambiamento di valutazione del fallo di mano, il calcio è diventato complicato, contorto e spesso noioso. Ma entriamo nello specifico.

Lazio contro Torino è il match che non verrà giocato questa sera, nonostante il consiglio di lega – convocato d’urgenza dopo pranzo – abbia ribadito all’unanimità che deve disputarsi. Apparentemente sembra doveroso, perché la salute viene prima di tutto. Ma i protagonisti che determinano se una squadra possa partire o meno, sono gli stessi che indagano su di te se rispetti i loro ordini. Il Torino non è autorizzato a partire dalla ASL, alla quale la FIGC ha riposto totale fiducia riguardo questo tipo di decisioni ma intanto la Lazio che ha fatto giocare Immobile e Anderson nelle gare contro Torino e Juve all’andata come deciso dalla ASL, ora ha la FIGC alle calcagna. Tutto e il contrario di tutto (citando un giustissimo post di Massimiliano Venturi già scippato senza citazione). Senza dimenticare quanto già accaduto tra Napoli e Juve, dove tra gare perse e punti ridati siamo al top della disorganizzazione.

Ci rendiamo conto che la situazione sia complicata. Ed è per questo che la semplificazione delle regole sembrerebbe la via più scorrevole. La paura è tanta e i vari punti di riferimento (CONI, FIGC, ASL ecc) palleggiano spesso con responsabilità che purtroppo (per loro) gli spettano.

Se ci sono dei protocolli e una decisione viene ponderata e presa, basta. La Lazio ha avuto l’ok per far giocare Immobile e Anderson? Sì, punto. Inutile come sempre alzare polveroni, complottismi e quanto di più noioso e lacerante si legge sui giornali. Idem per il Napoli e la gara di stasera.
L’appello è questo: ci sono dei protocolli e delle regole. Se in vigore, si ritiene definitivamente che siano giusti e dovuti di rispetto da tutti. Stop.
Quindi le chiacchiere stanno a zero. Se una delle due squadre incappa in penalità, rimandi o sanzioni che vengano attuate, ma per favore basta decisioni contorte e revisioni.
Il campionato (e il calcio in generale) è già abbastanza falsato.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Fabrix
Fabrix
1 mese fa

Ora ci pensa San Draghi decollato a sistemare le cose. Ci pensa lui si. Ormai solo lui. Pare vero…

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: gol contro il Napoli, Immobile prosegue la scalata

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Rubriche