Resta in contatto

News

Serie A, Tardelli: “Si annulli il campionato, la classifica valida per le Coppe”

La sospensione della Serie A è motivo di dibattito dall’inizio dell’emergenza sanitaria nel mondo del calcio: l’opinione di mister Tardelli

Cosa ne sarà dell’attuale stagione di Serie A?

Una domanda alla quale al momento non è possibile rispondere e davanti alla quale prima bisogna porre la salute dei cittadini. Il destino del massimo campionato italiano infatti, potrà essere deciso solo al termine dell’emergenza sanitaria e in base alla data in cui tutto tornerà alla normalità sarà possibile vagliare ogni singola opzione. Tuttavia, la domanda in questione è oggetto di dibattito dal giorno dell’inizio della quarantena e molte sono state le ipotesi avanzate.

Ai microfoni di TMW Radio quest’oggi è intervenuto il mister Marco Tardelli per parlare proprio della Serie A. Queste le sue parole:

“Credo che i giocatori si ridurranno gli ingaggi, lo hanno fatto anche in altri momenti. Però vengono interpellati poco. Non lo sono stati durante la prima fase del Coronavirus, quando si decideva se giocare a porte aperte o meno. Probabilmente dovevano far sentire la loro voce. Sarà una cosa da affrontare quella degli ingaggi, non solo in Italia ma in Europa.

Per quanto riguarda questa stagione calcistica, non si può fare nulla perchè è il campo che deve dare i titoli. Si annulla il campionato e si pensa al prossimo. È vero, è un peccato, ma se continuerà così, penso sia giusto annullarlo e cristallizzare la classifica per permettere la partecipazione alle Coppe. Qualcuno ci perderà, ma non si può fare altrimenti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News