Resta in contatto

Approfondimenti

Corsa a 3 per lo scudetto: non succedeva da 18 anni.

La corsa scudetto quest’anno è più che mai aperta. Erano 18 anni che alla 23ª giornata non si vedevano tre squadre in un punto.

Dopo quasi un decennio di dominio juventino quest’anno la lotta scudetto è più incerta che mai. Tre squadre coinvolte, separate da un solo punto come non accadeva da 18 anni. Quella volta si decise tutto all’ultimo respiro.

Alla 23ª giornata delle stagioni passate nella maggior parte delle occasioni il campionato era già indirizzato verso Torino. I testa a testa che hanno visto coinvolte Napoli e Roma sono stati per lo più teorici. L’anno scorso gli azzurri a questo punto avevano già 11 lunghezze di ritardo. L’Inter, terza, addirittura 20. Nel 2016-17 i giallorossi erano lontani 7 punti dalla vetta, come nel 2014-15. -6 invece nel 2013-14.

Solo in due occasioni il primato indiscusso della Juventus ha vacillato. Nel 2017-18 e nel 2015-16 i partenopei erano addirittura leader della classifica dopo 23 giornate. Rispettivamente a +1 e +2 sulle zebre. Poi il crollo nella parte finale del campionato.

Prima ancora, negli anni in cui a monopolizzare la Serie A era l’Inter di Mancini prima e Mourinho poi, mai alla quarta di ritorno si poteva concretamente credere che lo scudetto non fosse già praticamente assegnato. Nel 2009-10 la Roma arrivò seconda a -2, ma a fine febbraio era terza a -9. La rimonta fu prodigiosa, seppur inutile. Ma anche dovuta alle distrazioni di Zanetti e compagni, impegnati contestualmente nella trionfale marcia in Champions League.

Se le corse a due, concrete o ideali, si possono elencare con le dita, negli ultimi tre lustri le volate a 3 sono state delle autentiche chimere. Nel 2010-11, stagione di transito tra l’era nerazzurra a quella bianconera, quando il tricolore fu vinto dal Milan, a 15 partite dalla fine c’erano le due milanesi (con i rossoneri già davanti) e il Napoli racchiusi in 5 punti. L’anno seguente la terza, sempre a -5, era la Lazio, con la Juve seconda e sempre il diavolo primo.

Distacchi in ogni caso importanti. Soprattutto per via dei rapporti di forza, in entrambi i casi sbilanciati verso il duo di testa. Per vedere lotte più equilibrate bisogna risalire agli inizi del nuovo millennio. Tenendo presente, per di più, che allora il torneo vedeva partecipare 18 squadre. Quindi a parità di giornate disputate, quelle mancanti al termine erano di meno.

Tra il 2000 e il 2004, a inizio primavera, 4 volte su 5 dei terzetti si sono trovati a battagliare per il tricolore. In 3 di questi 4 casi, però, le distanze non erano comunque colmabili in un solo turno. Juventus (50), Lazio (46) e Milan (45) nel ’99-’00. Juventus (51), Inter (48) e Milan (47) nel ’02-’03. Milan (58), Roma (53) e Juventus (52) nel ’03-’04.

L’unico caso paragonabile in tutto e per tutto all’attuale situazione risale all’annata 2001-2002. L’ultimo precedente in cui si trovavano tre squadre in un punto alla 23ª giornata. Juventus 47, Inter e Roma 46.

Finì malissimo per i milanesi. Scavalcati all’ultimo da entrambe le altre concorrenti. In quel 5 maggio rimasto celebre, all’Olimpico la Lazio si impose 4-2 sugli uomini guidati da Hector Cuper.  Allo stadio c’era un clima surreale, il pubblico di casa temeva che si potesse fare un favore enorme ai cugini. Quello ospite che potesse sfuggire la vittoria a un passo dal traguardo. C’era la paura di esultare nello sguardo dei tifosi biancocelesti. L’incredulità, che si tramutò in disperazione, negli occhi degli interisti. Un incubo che divenne doppio,. perché al triplice fischio a cucirsi lo scudetto sul petto fu la Vecchia Signora, acerrima nemica giurata.

Se l’epilogo quest’anno sarà simile è ancora presto per dirlo. Troppi i punti in palio. Troppe le variabili in gioco. Di certo, dopo anni di monotonia, la banda Inzaghi sta spargendo parecchio pepe nella trama del romanzo della Serie A.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

forza lazio mia carica

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per lo scudetto vedo solo Inter ….. 🤘

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Quest’anno è l anno della Lazio….
A meno che gli fanno lo sgambetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

La corsa rimane a due è grasso che cola se ci fanno arrivare al terzo posto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non vi preoccupate che al momento opportuno ve preparano il conto

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Approfondimenti