Resta in contatto

News

Lazio – Cluj, la conferenza di Petrescu e Djokovic alla vigilia

Lazio - Cluj, la conferenza di Petrescu e Djokovic alla vigilia

Alla vigilia della sfida Lazio – Cluj, anche il calciatore del club romeno Djokovic e l’allenatore sono intervenuti in conferenza stampa

Domani la sfida di Europa League, Lazio – Cluj, tra le mura dello stadio Olimpico di Roma. Dopo la conferenza di mister Inzaghi e Marco Parolo, anche Djokovic e il tecnico Petrescu sono intervenuti per presentare la partita di domani.

Le parole dell’allenatore Petrescu:

“Sarà difficile sorprendere la Lazio, loro sono una squadra molto forte. Sarà molto difficile ottenere un punto in queste due partite, spero che faremo delle gare di grandi livello.

Sarà dura, la Lazio viene da alcune vittorie consecutive. Vincere è il nostro obiettivo, ma abbiamo visto che molte squadre qui hanno perso.  Non voglio rispondere alla domanda sulla qualificazione perchè prima dobbiamo raggiungere questo obiettivo. Sono contento di tornare in Italia e in particolare a Roma. Come giocatore era molto più facile, da allenatore è più stressante. Ho la possibilità di vincere qui cosa che in passato non mi è mai capitato di fare. Ma la Lazio giocherà per vincere, tutti desiderano vincere e domani faranno sicuramente del loro meglio”.

Le parole del calciatore Djokovic:

“La prima partita è stata una sorpresa. Dobbiamo giocare nella stessa maniera anche in questa gara di ritorno.Dovremo restare sempre concentrati, per loro è l’ultima opportunità, noi faremo del nostro meglio.

Credo che la Lazio scenderà in campo diversamente rispetto all’andata. Noi non saremo più una sorpresa sarà molto più difficile. Io mi aspettavo che la Lazio potesse anche vincere l’Europa League, noi li abbiamo sorpresi nella prima partita.

Diversamente dal campionato dove stanno facendo grandi cose, forse hanno sottovalutato l’Europa League. Noi invece abbiamo affrontato ogni partita come se fosse una finale. Questo non cambia però che rimangono comunque una grande squadra. “.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News