Resta in contatto

News

Lazio-Cluj, la conferenza stampa di Parolo: “Mi girano le scatole ad uscire dall’Europa. Mi sento ancora utile come giocatore”

Lazio - Rennes, Marco Parolo

Il centrocampista della Lazio, Parolo, ha parlato in conferenza stampa a Formello alla vigilia del match contro il Cluj in Europa League

Insieme al tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, oggi nella conferenza stampa prima della partita di Europa League contro il Cluj, ha parlato anche Marco Parolo.

Partita dove la Lazio ha tutto da perdere?

“Partita da vincere, bisogna avere solo questo obiettivo. Siamo tutti pronti e carichi, anche chi in queste settimane ha giocato meno”.

L’uscita dall’Europa League, può essere un tocca sana per il campionato?

“Mi girano le scatole uscire dalla competizione. Ti confronti con un calcio che ti può far crescere. La sconfitte contro il Celtic sono una bella lezione per maturare. Se dovessimo uscire il campionato diventerebbe il nostro obiettivo principale”.

Domani potresti essere il capitano

“Quando sono arrivato nel 2014 il mio obiettivo era proprio questo. In questi anni siamo cresciuti tutti, grazie alla società e al mister. Sarebbe un motivo di orgoglio”.

Contratto in scadenza nel 2020, il tuo futuro? I nuovi?

“Per quanto riguarda me, ci sarà un incontro più avanti. L’importante è essere chiari, se nel parlare con loro ci sarà la possibilità di andare avanti ben venga. Non voglio essere un peso per la Lazio. I nuovi stanno crescendo, il più pronto è Manuel ma già conosceva il campionato italiano”.

Caicedo ha detto che vede più convinzione, reputi anche tu la stessa cosa?

“Non lo so, abbiamo dimostrato in campionato una crescita, tutto parte dall’allenamento, però solo a fine stagione ti posso dire se siamo maturati o meno, noi facciamo quello che ci viene richiesto, la prestazione tolto due tempi con Atalanta e Cluj, c’è sempre stata”.

 

Leggi anche:

Formello, la Lazio prepara la sfida contro il Cluj (Foto e Video)

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News