Resta in contatto

Oltre la Lazio

Europa League, il Napoli perde anche al ritorno: avanti l’Arsenal

Europa League logo

Europa League, dopo il 2-0 subito a Londra, il Napoli cercava l’impresa al San Paolo contro l’Arsenal, ma perdono ancora e salutano la competizione.

Finisce il percorso in Europa League del Napoli. Sconfitto 0-1 al San Paolo dall’Arsenal, abbandona la competizione dopo aver perso anche all’andata 2-0.

Serviva un impresa alla squadra di Carlo Ancelotti per ribaltare il risultato, ma i gunners si sono dimostrati oltre la portata degli azzurri. Il gol segnato da Lacazzette a metà del primo tempo ha stroncato le speranze di rimonta. Nonostante gli sforzi profusi alla ricerca del gol, i partenopei non sono riusciti ad impensierire più di tanto la retroguardia dei londinesi.

Con questa eliminazione, l’Italia perde anche l’ultima rappresentante nelle coppe europee per quest’anno. Sugli altri campi, il Valencia passeggia in casa contro il Villareal, forte dell’1-3 dell’andata. Al Mestalla è 2-0 senza storia. Allo Stamford Bridge il Chelsea soffre più del dovuto contro lo Slavia Praga. Andati al riposo sul 4-1, i blues nel secondo tempo subiscono due gol che rimettono in gioco gli avversari. Visto lo 0-1 maturato in Repubblica Ceca, sarebbero serviti altri due gol ai biancorossi per ribaltare il risultato. Gli uomini di Sarri la sfangano non senza qualche brivido.

Il risultato eclatante della serata è il passaggio del turno dell’Eintracht Francoforte contro il Benfica. La squadra tedesca, che ha incrociato i suoi destini anche con la Lazio nella fase a gironi sconfiggendola in entrambi i confronti, era chiamata a compiere un mezzo miracolo dopo il 4-2 subito a Lisbona. Con un gol per tempo i ragazzi allenati da Adolf Huetter  portano a casa una storica qualificazione alle semifinali di Europa League.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Oltre la Lazio