Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, 3 domande al mental coach Corapi: “Gesto Bakayoko? Ne risentirà il Milan”

Lazio, il famoso mental coach ci aiuta a capire le disattenzioni dei biancocelsti nei minuti finali e ad analizzare la vicenda Bakayoko-Acerbi

Con quello di Kessié in Milan – Lazio di sabato, diventano 7 le reti subite dai biancocelesti nel girone di ritorno nell’ultimo quarto d’ora di gioco.

Per analizzare questo dato, troppo elevato per essere sottovalutato, ma anche per parlare del gesto di Bakayoko e Kessié con la maglia di Acerbi, abbiamo chiesto il parere di un esperto: Sandro Corapi, il mental coach di tanti allenatori e calciatori professionisti. E che, molti di voi lo ricorderanno, ha collaborato con il club biancoceleste in vista della trionfale finale del 26 maggio 2013 e non solo.

La Lazio continua a prendere gol nei minuti finali: è più un problema fisico o mentale?

Più che un problema fisico, credo si debba parlare e analizzare l’aspetto mentale: dalla testa partono le endorfine che muovono tutto il corpo. Lo dimostra il fatto che ci sono squadre che arrancano magari per un’ora di gioco, poi trovano il gol e come per magia sembrano tornate a stare bene“.

Inzaghi ha detto che ci sta lavorando, ma come si può migliorare questo limite?

Bisogna insistere molto negli allenamenti su questi aspetti, ripeterli tante volte anche a livello verbale. Serve lavorare dal punto di vista atletico, per fare in modo che la stanchezza fisica non influenzi la stanchezza mentale e viceversa“.

Parliamo invece del discusso gesto di Bakayoko e Kessié: come possono reagire Acerbi e la Lazio dopo i fatti di Milano?

Quello dei due rossoneri è un gesto che va contro i principi dello sport. Acerbi è un uomo di grande spessore, sia dentro che fuori il campo. Tante persone dovrebbero prenderlo da esempio. Non penso che le polemiche influiranno su di lui, non credo avrà problemi a reagire. La squadra? Più che la Lazio, credo che il Milan potrà risentire di questa situazione. Tra le due è quella che ne è uscita peggio, anche dopo il comunicato della società rossonera: c’è imbarazzo dopo questo episodio anti sportivo“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Approfondimenti