Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'Éducateur

Attenti al gorilla: riflessioni personali su arbitri e arbitrio

Lazio, la rubrica "L'Angolo dell'Éducateur"

Arbitri e polemiche al centro del nuovo appuntamento con “L’Angolo dell’Éducateur”

– L’ Éducateur –

“Gridava mamma come quel tale
cui il giorno prima come ad un pollo
con una sentenza un po’ originale
aveva fatto tagliare il collo.
Attenti al gorilla”

Fabrizio De Andrè – Il Gorilla (1968)

Certo, servono. Come servono i giudici. Ma io non ho mai capito cosa ti spinge a fare “l’arbitro”. Piedi a banana? Nella conta delle squadre eri sempre l’ultimo a essere scelto? Ti mettevano sempre in porta? Eri utile solo perché portavi un Super Tele nuovo fiammante? Fascino della divisa? Delirio da comando?

Direte voi, è solo passione, è solo un altro modo di vivere l’amore per lo sport, da una prospettiva diversa, prospettiva da cui non si può prescindere. Cari voi, avete ragione. Io continuo a non capire perché ti viene “la voglia dell’arbitro”.

Ho con gli arbitri un rapporto conflittuale irrisolto, da studio freudiano. In quello che è stato il mio sport per 30 anni, che non è il calcio, una delle mie società a un certo punto cominciò ad addebitarmi il costo delle sanzioni per ammonizioni, ero diventato per loro una tassa troppo esosa. L’ammonizione più divertente la presi dalla panchina, il primo arbitro mi ammonì perché avevo “guardato malissimo” il secondo.

Ebbi l’opportunità, a fine carriera, conoscendo esponenti della Federazione, di intraprendere la carriera di arbitro. Non riuscii a finire il primo incontro. Mi guardai intorno, non potevo fare l’arbitro, non potevo farcela.

Gli arbitri nel calcio. Non credo ci siano sport (forse la boxe dilettantistica per evidenti ragioni), in cui le decisioni arbitrali incidano così tanto sul risultato finale come nel calcio. Dopo l’anno scorso, poi, la mia insopportazione per il sistema arbitrale ha raggiunto il livello di guardia. In tanti anni di calcio guardato, un accanimento contro una squadra come quello subito dalla Lazio non lo avevo mai visto.

L’errore, invece, di cui hanno più parlato l’anno scorso, è relativo al mancato secondo giallo a Pjanic. Dibattiti, tavole rotonde, documentari. Nel sistema arbitrale ci metto l’informazione, la comunicazione. Un errore finisce, nell’immaginario collettivo, per essere macroscopico, ingiusto, vergognoso, non per ragioni obiettive, ma solo se viene urlato sulle prime pagine dei giornali o dalle tv.

Giornali e tv, le cui redazioni sono ormai delle piccole e potenti frange ultras di quella o questa squadra. Tra questa e quella non c’è la Lazio, mai. E non si tratta di VAR o non VAR. Io non ho nessuna malinconica nostalgia del passato che mi ha regalato l’Ipswich o il campionato 1999. E non mi consola la retorica romantica dell’errore umano, che quando gli errori diventano un silos di ingiustizie non troppo indiscriminate siamo oltre il diabolico.

Evitiamo gli errori. Inventatevi quello che vi pare, arbitri professionisti, un algoritmo che non lasci scampo alle decisioni arbitrarie. Facciamo che su quel presunto fallo da rigore decide la piattaforma de Cubertin. Per ora decidono gli interessi economici, decidono i soldi vitali di una qualificazione in CL. Complottista? Piagnone o piangina? Può essere. O forse no.

Tornando a De Andrè, mi rimane il fastidio per l’arbitro e l’arbitrio. Che non ci sono poteri buoni.

SoloLaLazio. Sempre.

 

Vuoi leggere gli altri editoriali dell’Angolo dell’Éducateur? Ti basta cliccare qui.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da L'angolo dell'Éducateur