Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, come stai? Il quadro completo su tutti gli infortunati

Luis Alberto, CorSport: "Nuove magie, nuovo contratto"

Lazio in piena emergenza infermeria: tutto quello che dovete sapere sui giocatori infortunati

In casa Lazio è il discorso del giorno: si parla solo (o quasi) della situazione infortunati. A Genova la Biancoceleste si è presentata con 10 indisponibili, compreso il giovane talento Armini, più Leiva in dubbio. Il brasiliano poi ha giocato nella ripresa, la caviglia va meglio e Lucas “Mezzasquadra” potrebbe scendere in campo dall’inizio mercoledì a Siviglia. Ma vediamo la reale situazione degli infortunati.

Intanto va detto che la priorità della Lazio è recuperare più giocatori possibili per la fondamentale partita con il Milan, l’andata di semifinale di Coppa Italia in programma il 26 all’Olimpico.

Come sta Marco Parolo

In questo senso, rassicurante l’esito dei controlli ai quali si è sottoposto Marco Parolo sabato sera. Non c’è interessamento dei legamenti, trattasi di una semplice distorsione alla caviglia e quindi, appena sarà passato il gonfiore, il centrocampista potrà riprendere gli allenamenti. Non è esclusa una convocazione perfino per Siviglia, ma l’obiettivo – ripetiamo – è metterlo in campo dall’inizio martedì prossimo contro il Milan. Al momento, possibilità molto alte.

Come sta Milinkovic

Stesso discorso per Milinkovic, che punta alla convocazione per Siviglia per poi giocare dall’inizio contro il Milan il 26. Gli ultimi accertamenti hanno confermato i progressi, il serbo è tornato ad allenarsi e vorrebbe esserci già contro gli andalusi, almeno per una frazione di gara, anche per mettere benzina nelle gambe in vista del Milan.

Come stanno i difensori fermi ai box

Visto che in Coppa Italia in difesa saranno assenti Radu per squalifica, Luiz Felipe e Bastos per infortunio, si sta facendo di tutto per recuperare almeno Wallace. Il brasiliano sta andando bene, lavora anche per lui per esserci dall’inizio contro il Milan. Bastos ha una lesione di primo grado, difficile ma non impossibile – considerando la caparbietà e il fisico del giocatore – che vada in panchina già il 26. Niente da fare invece per Luiz Felipe (lesione al flessore, in un punto diverso rispetto all’infortunio precedente), che non sarà a disposizione nemmeno per il derby del 2 marzo. Sulle tante polemiche relative al difensore brasiliano, va detto che lui è stato mandato in campo – contro il Siviglia – dopo ben 10 allenamenti, quindi non si può parlare di rientro forzato. E comunque in una situazione di emergenza da record, un minimo di accelerazione – concordata tra staff medico, staff tecnico e giocatore – per chi sta meglio è assolutamente comprensibile.

Come sta Luis Alberto

In attesa di diagnosi definitiva Luis Alberto: è alle prese con una lesione di primo grado, ma servono nuovi accertamenti per stabilire tempi di recupero credibili. Lui vorrebbe tornare a disposizione almeno per il derby, al momento è difficile. Tutto dipenderà dai nuovi controlli, appena avremo informazioni certe sui tempi di recupero ve li comunicheremo. La lesione di primo grado comporta almeno 15 giorni di stop: lui si è fatto male (adduttori coscia sinistra) il 14 febbraio, quindi saremmo proprio al limite. Di positivo c’è che lo spagnolo è ottimista su un suo pronto recupero, un atteggiamento mentale apprezzabile. Il fatto comunque che tutti gli infortuni non traumatici riguardino flessori e adduttori fa riflettere: necessaria una valutazione approfondita sulle cause di tutti questi stop della stessa natura.

Come sta Radu

A Siviglia ci saranno Immobile, recuperato (ma ha bisogno di ritrovare la migliore condizione, si è visto a Marassi), e Radu, bloccato da un problema gastrointestinale prima della gara con il Genoa: ha giocato lo stesso, e bene, nella ripresa però ha dovuto arrendersi. Diciamo che in questo periodo la Fortuna, quando vede la Lazio, si gira dall’altra parte.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Dall’esterno è difficile farsi un’idea. Secondo me i motivi sono vari, a cominciare da insufficiente cura da parte della società dello staff tecnico-sanitario, con tutto il rispetto dovuto qualcosa che non va c’è.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Se uno fà il primario al CTO di Roma dovrebbe restare li a fare il primario senza avventurarsi in esperienze abbastanza diverse e particolari come gestire a livello medico sanitario atleti professionisti! FORZA LAZIO CARICA SEMPRE

trackback

[…] Ecco il punto su tutti gli altri infortunati della Lazio. […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Casa Lazio