Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio-Siviglia, Machin: “Immobile? Anche Caicedo è forte” (FOTO)

Vigilia di Europa League per Lazio e Siviglia. A due ore di distanza dalla conferenza di Simone Inzaghi, all’Olimpico arriva il momento del tecnico del Siviglia Pablo Machin, che davanti ai media presenti analizza la sfida di domani. Ecco le sue parole: “Sicuramente le due partite giocate nel nuovo anno sono diverse da quella di domani. Una buona gara contro la Lazio potrà aiutare la squadra a crescere anche nella fiducia. Siamo consapevoli delle nostre qualità e continueremo sulla nostra strada”.

Che partita si aspetta domani?
“Il calcio non è mai prevedibile. Lazio e Siviglia sono simili, anche nel modulo di gioco. Spero che il risultato finale possa decidersi nella partita di ritorno. Ci impegneremo nel giocare nel miglior modo possibile, cercando di minimizzare i punti di forza della Lazio. I nostri obiettivi sono di segnare almeno un gol e tenere la porta inviolata”.

Sulla forma fisica della squadra:
“Avere a disposizione poche ore per recuperare non è il massimo. Escudero lamenta diversi dolori, ma in generale sono tanti i giocatori che hanno degli acciacchi. È normale, i calciatori devono imparare a convivere con questi dolori”.

Cosa teme di più della Lazio?
“È una squadra completa. Il loro calcio è offensivo, le ali non sono difensori. Il gioco della Lazio passa attraverso Luis Alberto che ha tanta qualità. Non sappiamo se giocherà Immobile, ma se non ce la dovesse fare c’è Caicedo che in Spagna è conosciuto. È un grande attaccante. E poi c’è la velocità di Correa”.

Rog può aiutare la squadra?
“È un giocatore di grandissimo livello. Se non domani, almeno al ritorno giocherà e sono sicuro che aiuterà tanto la squadra. Dipenderà dalle circostanze”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News