Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, Luis Alberto in conferenza: “Che emozione sfidare il Siviglia!”

Luis Alberto, trequartista della Lazio

Il trequartista della Lazio presenta la sfida di Europa League contro la sua ex squadra.

La sfida tra Lazio e Siviglia, per Luis Alberto, è un concentrato di emozioni pazzesco. Il trequartista spagnolo è nato a 120 km dal capoluogo andaluso e nei Nervionenses è cresciuto calcisticamente. Per il numero 10 biancoceleste, insomma, si tratta di un vero e proprio derby del cuore. Ecco come ha presentato il match di domani (ore 18.55, diretta Sky), nella conferenza stampa della vigilia.

Lazio, Luis Alberto affronta il “suo” Siviglia: “La squadra del mio cuore”

– Sei nato nella cantera del Siviglia, per te sarà qualcosa di speciale?
È il club che mi ha cresciuto, è la squadra del mio cuore. Domani cercheremo però di vincere e farò di tutto per riuscirci sia nell’andata che al ritorno.

– Come stai?
Sto bene, mi sono allenato al 100%. Se continuo così sicuramente potrò giocare.

– Ti piace giocare come mezzala?
Mi piace giocare sempre, come trequartista o come mezzala. La cosa importante è fare il meglio per la Lazio.

– Quanta voglia di arrivare in fondo?
Sappiamo che ogni competizione è importante per noi. Domani sarà una gara molto difficile, la strada è lunga.

– In cosa una è più forte dell’altra?
Siamo due squadre molto simili, loro hanno Ben Yedder e André Silva, noi abbiamo Immobile che fa per due. Sicuramente adesso non sta molto bene e speriamo che continuino così. Ma hanno un centrocampo fortissimo. Vedo un 50% di chance per entrambe, dipenderà tutto da noi.

– Ritroverai tanti amici?
Ero un ragazzo all’epoca, ho giocato con Jesus Navas, un giocatore importante per il Siviglia e per la Spagna.

– Lo scorso anno in appoggio a Immobile, adesso la Lazio ha bisogno di un tuo aiuto in regia. Da cosa dipende?
Credo sia cambiato un po’ il mio modo di giocare, soprattutto a livello difensivo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News