Resta in contatto

News

Lazio, il dilemma di Ciro Immobile: ce la farà o no contro il Siviglia?

Immobile: "Questa squadra merita di vincere qualcosa l'anno prossimo"

Il mondo Lazio convive con un interrogativo quasi amletico: Ciro Immobile ce la farà o no a scendere in campo contro il Siviglia? Un dubbio che Simone Inzaghi è destinato a portarsi dietro fino all’ultimo. Ma scopriamo quasi sono le condizioni dell’attaccante biancoceleste.

Lazio, Immobile in bilico fino all’ultimo per il Siviglia

Come si legge su Repubblica, il numero 17 della Lazio si è sottoposto ieri sera a ulteriori accertamenti: il recupero dall’elongazione ai flessori della coscia sinistra prosegue, ma la domanda è se Ciro possa essere già pronto per la gara di giovedì (ore 18.55). Ieri Immobile ha svolto un allenamento differenziato, dedicandosi più che altro alla corsa e agli allunghi. Ha partecipato anche alla sessione tattica, per poi rinunciare alla partitella in famiglia. In tarda serata si è poi recato in clinica Paideia per i nuovi controlli clinici previsto nella tabella di marcia.

Rischiare o no?

La cosa certa è che Ciro farà di tutto per esserci, in una sfida così delicata per la sua Lazio. In ogni caso Inzaghi valuterà anche in base al calendario che aspetta i biancocelesti dopo la sfida d’andata dei sedicesimi con il Siviglia. Domenica 17 ci sarà una trasferta ostica come quella in casa del Genoa, mentre mercoledì 10 sarà già tempo di volare in Spagna per il ritorno in casa degli andalusi. Sono però le due gare successive a impensierire maggiormente il tecnico laziale…

Milan e Roma all’orizzonte…

Martedì 26 febbraio è in calendario l’andata della semifinale di Coppa Italia contro il Milan. Un appuntamento che, già da solo, indurrebbe a valutare di non correre troppi rischi. Come se non bastasse, sabato 2 marzo andrà in scena il derby con la Roma. Due partite potenzialmente determinanti per il cammino stagionale dei biancocelesti: poter contare su un Ciro Immobile al top sarebbe fondamentale per Inzaghi.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Vederlo giocare segnare e Gioie ,per lu e per la Lazio"
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News