Resta in contatto

News

Lazio-Bologna, Inzaghi: “Luis Alberto? Ci sono le rotazioni. Soddisfatto dai nuovi”

Quattro anni fa: il 3 aprile 2016 Inzaghi si prendeva la panchina della Lazio

Lazio-Bologna, le parole del tecnico biancoceleste

Allo Stadio Olimpico è andata di scena Lazio-Bologna, sfida valida per la quinta giornata di Serie A. I biancocelesti hanno trovato i 3 punti grazie ai gol di Luis Alberto e Ciro Immobile nel secondo tempo. A fine gara il tecnico Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di DAZN: “Abbiamo speso tanto martedì ma abbiamo fatto una grandissima partita sia a livello mentale che fisico. E’ stata una partita aperta, nel primo tempo abbiamo avuto entrambi occasioni. Loro stanno facendo ottime partite ma non raccolgono risultati. Leiva e Marusic non erano al meglio, li ringrazio perché sono stati importanti, Lazzari ed Escalante non avevano i 90′ nelle gambe. Luis Alberto? Tutti vogliono giocare tutta la partita, noi abbiamo tante partite, devo far giocare tutti. Escalante ha avuto un problemino altrimenti non l’avrei tolto, Correa e Luis li ho tolti perché in settimana abbiamo il Bruges. Gestione? La farei se avessi gli uomini. Tra Radu, Milinkovic, Ramos, ho molti giocatori fuori, mi avrebbero fatto comodo oggi. I nuovi? Sono soddisfatto di loro, Pereira, Hoedt e Fares sono arrivati tardi, Muriqi ha avuto il Covid, ma ho fiducia in loro. Hoedt già ci conosceva e per questo ha trovato subito spazio. Milinkovic? Ha avuto una botta con il Borussia, oggi non riusciva ad attivarsi, anche Leiva era acciaccato ma ha dato tutto. Akpa, Escalante e Pereira mi hanno dato buoni segnali. Immobile? Ciro è una valore aggiunto anche per la Nazionale, sono sicuro che tornerà al gol anche in azzurro e aiuterà sia noi che il CT Mancini. Quest’anno sarà più difficile visti i tanti impegni, avremo tre trasferte consecutive e sarà complicato. Conservare le forze e far inserire i nuovi sarà fondamentale in questo periodo”.

Le parole di Inzaghi a Lazio Style Radio

“Grande prestazione da parte dei ragazzi, in un match difficile. Una vittoria di grande carattere, contro un Bologna che non sta raccogliendo i risultati che meriterebbe. Lazzari ed Escalante sono entrati, perché Marusic e Leiva stamani non erano al massimo. Potevo aspettare la fine del primo tempo, ma stavamo rischiando e li ringrazio, perché altri calciatori non avrebbero mai dato la disponibilità per iniziare dal primo minuto. Il campionato è molto difficile, anche alla qualità delle altre squadre. Per vincere c’è bisogno di dare sempre il 100%. Spero di avere Milinkovic per la gara contro il Brugge. Oggi avevamo molto assenze, però non c’è tempo per recriminare. Dobbiamo dare il massimo. Sinisa è stato sempre un grande giocatore di Basket, abbiamo scherzato prima della gara, era incredibile. Sembrava un giocatore di NBA. Reina è un grandissimo portiere e un grandissimo professionista, non devo spiegare io le sue qualità. Una risorsa importante anche come uomo dentro lo spogliatoio. Hoedt lo conosco bene, ci può dare delle soddisfazioni. Questa sera ha fatto molto bene, così come con il Dortmund quando è entrato, ci aiuterà tantissimo”.

Conferenza stampa

Abbiamo fatto un’ottima prova di carattere, contro una squadra forte e organizzata, che sta raccogliendo poco. Sapevamo anche che avremmo pagato qualcosa dopo martedì. Peccato solo per il gol nel finale.

Loro hanno avuto più possesso palla, ma non ricordo grandi occasioni dalle parti di Reina. Il Bologna è una squadra di valore. La Serie A si è livellata verso l’alto, saranno tutte partite difficili, soprattutto con il triplo impegno con l’Europa. Ora faremo tre trasferte in sette giorni e dovremo organizzarci bene.

I nuovi stanno cercando di darci una mano. Akpa Akpro ed Escalante sono già integrati perché hanno fatto il ritiro. Gli altri hanno bisogno di tempo. Sono soddisfatto di Muriqi sia per come è entrato oggi, sia per la prova contro il Dortmund.

Mercoledì il Brugge sarà una squadra fisica e organizzata. In casa offrono sempre prove di livello e sono stati bravi a vincere a San Pietroburgo“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "In eterno per noi laziali lui e' e rimarrà per sempre lui il simbolo della nostra amata lazio!!!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile stacca Signori in Serie A

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News