Resta in contatto

News

Lazio, il nipote di Lenzini: “Lotito mi ha chiamato, credo nella buona fede”

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito

Lazio, il nipote del presidente del primo Scudetto biancoceleste crede nella buona fede di Lotito, le cui parole avevano fatto discutere

Andrea Lenzini, nipote del presidente del primo scudetto della Lazio Umberto, ha scritto su Facebook il seguente messaggio per stemperare le polemiche nate dopo le dichiarazioni di Lotito di qualche giorno fa.

“Questa sera ho ricevuto la telefonata del presidente Claudio Lotito al quale ho fatto i complimenti per la nostra LAZIO e per il lavoro svolto. Lui mi ha detto che non era proprio quello il senso del suo discorso sulla presidenza UMBERTO LENZINI, ha espresso dispiacere per i malumori arrivati dalle sue parole male interpretate. Siccome nel tempo ho imparato un po a conoscerlo posso credergli. Io sono uno che crede nella buona fede delle persone…credo che se un presidente di una società come la Lazio, prende in mano il telefono, mi telefona e dice certe cose, lo fa perché vuole fare chiarezza in primis con me. Infatti nel tempo, specialmente con me, ha sempre speso parole di elogio su Umberto Lenzini. Io direi di fare un passo avanti…FORZA LAZIO SEMPRE”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Non ti fidare

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Ce’ un Presidente libero in cerca di Presidenza, dategli una vostra società e tifatela…ve cerca Pallotta.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Lotito, perche rovini sempre tutto con le tue parole? Non lo sai tu che predichi sempre, che il silenzio è la miglior medicina? Il grande Lenzini, che non aveva una lira, fece una squadra di campioni, Chinaglia, Wilson, .Re cecconi ecc e poi Maestrelli un grande e poi Cragnotti, creo la squadra piu “forte d’europa” . Arriviamoci con questa e poi potrai metterti in competizione con questi grandi presidenti. FORZA LAZIO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Meglio un nipote disposto a credere alla buona fede del Presidente di chi non vede altro che spiragli per creare dissidi a prescindere.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Piuttosto che mettere toppe sarebbe meglio non creare strappi! Ma credo sia impassibile per certe persone cambiare!

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News