Resta in contatto

News

Inzaghi: “La Juventus è sempre la squadra da battere. Grazie ai tifosi presenti domani”

La parola a papà Inzaghi: "Mi chiama sempre dopo ogni partita"

Il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, ha parlato in conferenza stampa della partita di domani sera allo stadio Olimpico tra la Lazio e la Juventus.

Le parole di Simone Inzaghi in conferenza prima di Lazio-Juventus (qui le parole di Sarri).

Cosa ci vuole per battere la Juventus?

“Bisognerà fare una gara importante. Hanno campioni che possono risolvere la partita da un momento all’altro”

Non ti fidi della Juventus?

“No, sono imbattuti in Europa, sappiamo cosa incontreremo e saranno molto arrabbiati per il paraggio contro il Sassuolo. Senza il pareggio contro gli emiliani sarebbero al primo posto in classifica, nonostante il grande campionato dell’Inter”.

Lo stadio sarà pieno, i tifosi hanno risposto presente al vostro appello

“Fa molto piacare vedere l’Olimpico pieno di entusiamo. Vorremmo regalargli una grande gara. Negli ultimi due anni con la Juventus abbiamo perso, ma non meritatamente”

Battere la Juventus per fare il salto di qualità?

“Loro sono una squadra importante, saranno decisivi gli episodi. Dobbiamo cercare un equilibrio sensato. Trenta giorni fa i discorsi erano diversi. Sono da tanti anni nel calcio e passare dalle stelle alle stalle non è inusuale”.

In estate sei stato accostato alla Juventus?

“Normale che determinate voci fanno piacere. In quel momento dovevo pensare, non ho parlato con nessuno. Avevo una priorità, che è sempre stata la Lazio”.

Domani sfida scudetto? Spaventa questa parola?

“Motivo di grande orgoglio, nel calcio è un attimo cambiare opinioni e giudizi. Siamo contenti di stare in alto in classifica, ma non dobbiamo rilassarci”.

Come stai preparando la partita?

“Per battere la Juventus bisognerà stare attenti a tutto. La gestione della palla sarà fondamentale, solo così siamo cresciuti contro le big del nostro campionato”.

Pjanic un pericolo?

“Grandissimo campione, ma non c’è solo lui. Negli ultimi anni è migliorato tantissimo. Insieme a Ronaldo e Chiellini è l’anima della squadra”.

In cosa è cambiata la Juventus con Sarri?

“Ho visto parecchie partite della Juventus, si inizia a vedere la mano di Sarri. Con Allegri, i bianconeri hanno sempre vinto. Adesso gestiscono la palla di più e sono più corti tra i reparti”.

Stai pensando di cambiare qualcosa tatticamente?

“Manca ancora l’allenamento di oggi e il risveglio muscolare di domani. La squadra sta andando bene e terrò le mie certezze. Ho qualche dubbio, ma non quelli che avete scritto voi sui giornali ieri”.

Potrebbe essere la partita di Caicedo?

“Sta molto bene, con il Sassuolo ci ha fatto vincere. Domenica non è potuto entrare. E’ un’opzione che mi tengo stretta”.

Non sei mai riuscito a battere Sarri. Poco minuti fa in conferenza ha detto che la Lazio può lottare per lo scudetto

“Fanno molto piacere le sue parole. I record sono fatti per essere battuti, non vinciamo da anni contro i bianconeri in campionato all’Olimpico. Contro di lui non ho giocato molto. Gli indisponibili per la gara di domani, saranno: Patric, Lukaku, Marusic e Berisha”.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Daglie aquilotti sempre avanti fatece sogna

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News