Resta in contatto

News

Luis Alberto a “El Pelotazo”: “Non è vero che sono discontinuo”

Lazio, Luis Alberto

Il numero 10 della Lazio continua nelle sue interviste da nazionale spagnolo: qui parla delle voci sul Siviglia e sull’etichetta di giocatore incostante

È il giocatore della Lazio più ricercato del momento a livello mediatico, la convocazione con la Spagna ha attirato su Luis Alberto attenzioni a non finire. Abbiamo visto insieme le interviste del numero 10 biancoceleste a Marca, Gazzetta dello Sport e Corriere dello Sport: adesso è la volta del suo intervento a “El Pelotazo”, trasmissione di Canal Sur Radio.

Ai connazionali, il Mago è tornato a parlare delle voci estive che l’hanno visto nell’orbita del Siviglia:

“L’ho detto in passato e lo dirò sempre, a quella che è stata la mia casa non dirò mai di no. Questo a prescindere se dovesse o non dovesse avvenire.

Adesso sono alla Lazio, sono contento e ho un contratto, è il club che mi ha dato l’opportunità di arrivare dove sono e ne sono molto grato. Poi magari il prossimo anno è la Lazio che mi dice che devo andare via. A volte non dipende da noi”.

Luis Alberto ha spiegato anche di non sentirsi un giocatore discontinuo:

“È da moltissimo tempo che non è così. Sì, è vero, quando ero nella cantera del Siviglia ci poteva stare. Per fare quel salto in avanti dovevo migliorare, non tanto sotto l’aspetto offensivo, quanto difensivo. E poi dovevo migliorare come mentalità, non dire “oggi non mi va”.

Ultimamente non mi possono dire che sono discontinuo, però quando ti appiccicano delle etichette è difficile toglierle. Di sicuro non sono un calciatore così famoso al grande pubblico, ma apprezzo il fatto che chiunque deve seguirmi, segua il campionato italiano”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News