Resta in contatto

Nostalgia Chinaglia

Aron Winter in visita a Formello: “Magari un giorno allenerò la Lazio”

Aron Winter Lazio

L’ex centrocampista della Lazio, 155 presenze in biancoceleste tra il 1992 e il 1996, ha fatto visita al centro sportivo di Formello

Con la maglia della Lazio ha giocato qualcosa come 155 partite: Aron Winter, il centrocampista olandese che arrivava dall’Ajax, ha lasciato un segno importante a Roma tra il 1992 e il 1996.

Oggi, l’attuale vice allenatore della Grecia ha fatto visita al centro sportivo di Formello. Queste le sue parole ai microfoni di Lazio Style Channel:

“Sono qui a Formello per venire a trovare i vecchi amici. È la seconda volta che vengo, tanti anni fa non c’era tutta questa struttura: all’inizio ci allenavamo sul campo vicino alla villa, avevamo lì il nostro spogliatoio. Complimenti, il centro sportivo è una struttura bellissima, è l’ideale per far crescere giovani talenti”.

“Nel 1992 essere uno straniero in Serie A era una novità. All’inizio avevo difficoltà con la lingua, ma Maurizio Manzini mi ha aiutato molto. All’Ajax avevo vinto tutto, ma in quel momento la Serie A era il miglior campionato del mondo e io volevo farne parte per dimostrare il mio valore anche ad alti livelli”.

“Nei primi mesi avevo avuto alcuni problemi, ma poi ho fatto parlare il campo e sono diventato un idolo dei tifosi. Abbiamo posto le fondamenta per far diventare la Lazio una grande società. Dopo tanti anni avevamo riportato il club in Europa ed in quel momento la società ha compiuto un passo in avanti importante. Stavo benissimo nella Capitale, avevamo una grande squadra e un ottimo staff”.

“Seguo ancora la Lazio, l’Italia è come il mio secondo Paese. Mi piace l’idea di gioco dei biancocelesti, sono belli da vedere. Inzaghi è un allenatore che pensa all’attacco e a vincere”.

“Ora sono diventato un allenatore, mi piacerebbe diventare un tecnico qui in Italia, magari un giorno anche alla Lazio“.

Le parole di Manzini

Accanto ad Aron Winter, c’è anche Maurizio Manzini. Lo storico team manager della Lazio ha speso queste parole per l’ex centrocampista:

“Era un giocatore generoso, sempre disponibile. In campo, quando i compagni erano in affanno, c’era sempre lui pronto a ricevere il pallone e ad aiutare chi era in difficoltà. È un ragazzo scherzoso e gioviale, rideva sempre con i compagni: sapeva giocare a calcio ma anche relazionarsi al meglio con gli altri giocatori”.

 

Leggi anche:

Lazio, domani la presentazione di Lazzari e André Anderson

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Uno dei miei idoli negli anni d”‘oro. Grande Aron eri proprio forte.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Bei ricordi pure io

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grande Winter sempre nel CUORE ?

trackback

[…] Aron Winter in visita a Formello: “Magari un giorno allenerò la Lazio” […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che gran giocatore…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sempre dopo il nostro Simeone !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grande giocatore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Hai esultato troppo a Parigi nel 98

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grazie e grande giocatore ma sei stato un mercenario per soldi sei voluto andare via non ti voglio e parlo per me forza Lazio sempre

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sempre bello

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che bello!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sempre nel
Mio cuore ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Aron aron winter winter ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Bei ricordi

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Nostalgia Chinaglia