Resta in contatto

Nostalgia Chinaglia

La Lazio ricorda la Coppa delle Alpi

Il trofeo del 1971

Con un post su Instagram la S.S. Lazio ha voluto ricordare la vittoria della Coppa delle Alpi nel 1971.

Il 25 giugno del 1971 la Lazio vinceva la Coppa delle Alpi. Con un post sul profilo ufficiale Instagram la società biancoceleste ne celebra il ricordo.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

⏳ #onthisday In 1971, we lifted up the Cup of the Alps ?

Un post condiviso da S.S. Lazio (@official_sslazio) in data:

L’ultima vittoria Italiana

Il trofeo fu istituito nel 1960 dalle federazioni calcistiche italiana e svizzera. Negli anni era stato allargato ad altre nazioni. Dal ’62 parteciparono anche squadre francesi e dal ’67 quelle tedesche. Si disputava interamente nel mese di giugno.

A partire dall’edizione del 1972 la FIGC decise di non prendere più parte alla manifestazione, dunque la Lazio è stata l’ultima italiana a vincerla. In finale le aquile si imposero per 3-1 sul Basilea. La partita, per altro, si giocò proprio nella città elvetica. Manservisi e Chinaglia (doppietta) furono i mattatori della serata.

Proprio nell’estate del 1971 venne istituita la Coppa Uefa. Per importanza e riconoscimento ufficiale del massimo organo calcistico continentale, fece perdere rilievo alle altre competizioni internazionali allora esistenti. Compresa la Coppa delle Alpi.

Per la cronaca, comunque, essa si è continuata a disputare fino al 1987. Gli ultimi vincitori sono stati i francesi dell’Auxerre.

L’inizio della rinascita

Per i biancocelesti quella vittoria non fu solo il primo trofeo internazionale messo in bacheca. Certo, l’importanza in sé non è paragonabile alle vittorie del ’99 in Coppa delle Coppe e in Supercoppa Europea. Ma il significato intrinseco di quella Coppa è il senso di rivalsa.

Al termine della stagione ’70-’71 la Lazio retrocesse in serie B. In quella finale, quindi, non c’era in palio solo il titolo. Almeno per i laziali, valeva come riscatto morale dopo una stagione disastrosa. In rosa c’erano Facco e Chinaglia (capocannoniere della competizione con 7 reti, due delle quali propri in finale). Due degli undici che tre anni più tardi avrebbero regalato ai biancocelesti il primo indimenticabile scudetto. Il 7 giugno, poco prima che iniziasse il torneo, sulla panchina si era seduto Tommaso Maestrelli (anche se per quel torneo l’allenatore fu Bob Lovati).

Quella coppa quindi, per quanto la si possa o voglia considerare un “trofeo minore“, è da ritenersi simbolicamente l’inizio della rinascita. L’incipit della storia. Il “c’era una volta” di una meravigliosa fiaba a tinte biancocelesti, conclusasi col lieto fine del 12 maggio 1974.

Leggi anche:

Lazio, CorSport: “Caicedo freme, vuole andare via”

 

Lazio, dalla Spagna: Levante su Bastos

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E questo era il periodo in cui andavo allo stadio …????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Me la ricordo benissimo avevo sedici anni il primo trofeo SEMPRE FORZA LAZIO

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Nostalgia Chinaglia