Resta in contatto

News

Lazio, Diaconale sicuro: “Escludo che il percorso con Inzaghi sia alla fine”

Lazio premiazione Coppa Italia

Il portavoce della Lazio, Arturo Diaconale, celebra il trionfo biancoceleste in Coppa Italia e parla di Inzaghi, Milinkovic, Gasperini e D’Angelo

Per la Lazio è il giorno della festa, della consapevolezza di aver portato a casa un trionfo storico: la settima Coppa Italia vinta dal club. Un successo celebrato anche da Arturo Diaconale a Radio Sportiva.

Il portavoce biancoceleste ha toccato tanti temi nel suo intervento, nel corso della trasmissione “Processo di Sportiva”:

È stata una notte di festeggiamenti, un traguardo importante e significativo per la gestione Lotito. La Coppa Italia da senso a una qualsiasi stagione e quest’anno poi è stata particolarmente importante, con un grosso successo di pubblico sugli stadi e in tv“.

Inzaghi? Escludo che il suo percorso alla Lazio sia alla fine, è parte integrante della società e non vedo nessuna interruzione del rapporto“.

Milinkovic? Per noi è un grandissimo acquisto, poi il mercato è sempre aperto e non si può escludere nulla, ma al momento non c’è l’intenzione di separarsi da lui“.

Gasperini? Nell’episodio di Bastos non se ne è accorto nessuno tranne lui. Forse era arrabbiato, ma oggettivamente la Lazio ha meritato di vincere. L’altra volta gli episodi avevano favorito l’Atalanta, questa volta la Lazio, non c’è nessuno scandalo e per la Lazio non c’è nessun favoritismo“.

Lotta per i posti in Europa? Tutte le squadre sono attrezzate e sarà una bella competizione in queste ultime due giornate“.

D’Angelo? È il nuovo responsabile della sicurezza, è la garanzia che la Lazio non accetterà più in nessun modo episodi di illegalità. Gli incidenti di ieri sono deprecabili, ma non è stata una guerriglia urbana come fatta passare dai media. Chi ha compiuto questi atti deve pagare“.

 

Leggi anche:

Coppa Italia, Lotito: “Inzaghi è un figlio. Mai messo in discussione”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile aggancia Piola. Anzi no…! Ecco quanto manca

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News