Resta in contatto

Approfondimenti

Coppa Italia, Lotito: “Inzaghi è un figlio. Mai messo in discussione”

Le parole del presidente Claudio Lotito dopo la vittoria della Coppa Italia.

A bordo campo durante i festeggiamenti:

Quest’anno la posizione in classifica non rispecchia le nostre potenzialità. Oggi abbiamo battuto meritatamente l’Atalanta che veleggia verso la Champions. Questo dimostra che avevamo i numeri per lottare anche noi per la Champions League. Noi ci tenevamo alla Coppa perché ci dà la certezza di giocare in Europa l’anno prossimo e poi è il 5° della mia gestione.

In zona mista, ai microfoni Rai:

Questo è un trofeo meritato e conferma che questa squadra ha le potenzialità per raggiungere dei grandi traguardi. Abbiamo battuto l’Atalanta in modo meritatissimo. Questa è una squadra che sta lottando per la Champions e altrettanto avrebbe potuto fare la Lazio. Il risultato di questa vittoria ci permette di arrivare in Europa. Una presenza stabile in Europa League ci permetterà di raggiungere col tempo l’Olimpo delle grandi squadre. Io ho sempre investito per migliorare questo club, sono i numeri a parlare e a testimoniarlo. Il futuro di Inzaghi? Non è mai stato messo in discussione, sono leggende metropolitane nate dopo alcune sconfitte. Per me è un figlio adottivo, lo ho portato dalla Primavera alla prima squadra. Non è mai stato messo in discussione e non lo dico perché ha vinto la Coppa Italia, ma perché ha le capacità che servono per ricoprire quel ruolo. Poi è vero, nel corso dell’anno ci sono stati episodi che hanno rallentato la nostra corsa, per esempio gli infortuni. Gasperini che reclama un rigore? Non voglio fare dietrologie post gara. Io sono abituato a rispettare i responsi del campo quando sono meritati. loro hanno avuto una grande occasione nel primo tempo, ma dopo di quella non mi sembra che ne abbiano avute altre. Noi invece sì e abbiamo meritato la vittoria. Me lo hanno confermato anche alcuni esponenti della dirigenza dell’Atalanta

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Quindi caro Val dormi tranquillo con Lotito tutto quello che potevamo fare lo abbiamo fatto, continueremo a galleggiare. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "emozioni infinite in curva nord! con questa luce che mi abbagliaaaa....Grazie Beppe sei un grandissimo"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Approfondimenti