Resta in contatto

Nostalgia Chinaglia

Lazio, Stankovic tifa per te: “La voglio in Champions! E ho un augurio per Milinkovic”

Coronavirus, Stankovic: "L'Italia è una seconda casa: rispettiamo le regole"

Lazio, il grande ex Dejan Stankovic intervistato da Radio Incontro Olympia: dal passato alla lotta Champions, passando per Simone Inzaghi e Milinkovic

Tra gli eroi del secondo scudetto della Lazio, c’è scolpito anche il suo nome. Dejan Stankovic avrà sempre un posto d’onore. L’ex centrocampista serbo è tornato a parlare del suo passato biancoceleste, ma anche del connazionale Milinkovic e della lotta per la Champions League.

Queste le dichiarazioni più importanti che Deki ha rilasciato nell’intervista a Radio Incontro Olympia, nella trasmissione #mistaisulcalcio condotta da Daniele Rocca e Carlo Roscito:

Sulla sua Lazio

Dovevamo vincere almeno uno Scudetto in più. Qualche anno di più insieme e avremmo potuto anche puntare alla Champions League. Ci è scappato qualche titolo di sicuro“.

Su Simone Inzaghi

Con lui ci siamo incontrati quando era ancora in Primavera e si parlava di una possibile sostituzione di Pioli. È stata una piacevolissima sorpresa per me, sono il suo primo tifoso. Come passano gli anni lui migliora, sono contento per lui“.

Sulla lotta Champions

Inter terza e Lazio quarta e farei bingo. Lo scorso anno purtroppo ci fu Lazio-Inter per la Champions. Quest’anno ci sono Inter, Lazio, Milan, Roma, Atalanta e Torino, il valore del campionato cresce“.

Su Milinkovic

Gli è successo lo stesso che è accaduto a me, un anno e mezzo bello e poi un po’ di crisi. È giovane, era reduce dal mercato, la valutazione elevata, è andato al Mondiale con grandi pressioni. È tornato a giocare un bel calcio, ha risolto anche una partita importante come quella di San Siro. È un piacere che sia considerato mio erede, gli auguro di vincere quanto me. Non è una cosa impossibile, la Lazio negli ultimi anni ha fatto benissimo e i tifosi devono essere fieriAuguro alla Lazio di continuare a migliorare di anno in anno, di portare a Roma e far crescere giovani talenti come con me e Milinkovic“.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Grandissimo, rimarrai nei nostri cuori per sempre! E segna sempre lui......"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Nostalgia Chinaglia