Resta in contatto

Approfondimenti

“No Bulli”, Ciro Immobile testimonial della campagna contro il bullismo (foto & video)

Lazio, Frosinone e Roma contro il bullismo

“No Bulli”, alla presentazione della campagna c’è anche Claudio Lotito.

Si chiama “No Bulli” ed è la campagna di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, promossa dal vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, Giuseppe Cangemi e dal Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Lazio, Jacopo Marzetti.

Ad appoggiare l’iniziativa c’è anche la Lazio, insieme alla Roma e al Frosinone: le tre società professionistiche della regione che partecipano alla Serie A. L’appuntamento è per stamattina alle 10.30, presso la Sala Mechelli del Consiglio regionale del Lazio.

Il testimonial della campagna, in casa biancoceleste, è Ciro Immobile: l’attaccante della Nazionale è stato scelto insieme ad Alessandro Florenzi della Roma e Daniel Ciofani del Frosinone. Tra le persone che interverranno durante la presentazione di “No Bulli”, anche Claudio Lotito: ad affiancare il presidente della Lazio ci sarà il responsabile del settore giovanile biancoceleste, Mauro Bianchessi.

Nel corso della mattinata, potrai seguire l’evento con tutti gli aggiornamenti di Sololalazio.it.

 

La campagna contro il bullismo

Campagna anti bullismo presentata con l’evento “No Bulli” al consiglio regionale del Lazio

La diretta dell’evento

10.40 – Sono arrivati tutti gli ospiti. Lotito e Immobile prendono posto in sala.

10.41 – Arrivati anche Florenzi e Baldissoni per la Roma. Ciofani e il responsabile Marketing Gualtieri in rappresentaza del Frosinone.

10.45 – Giuseppe Cangemi prende la parola per primo: “Le tre squadre giocheranno la prossima partita con il badge No Bulli sulle maglie”

10.50 – Parla Lotito. “Iniziativa fondamentale. Nello sport deve prevalere il rispetto dell’avversario. Come Lazio abbiamo messo in campo diverse iniziative per aiutare i ragazzi ma anche i genitori, che spesso sono i più sfrenati. Per questo nelle nostre giovanili abbiamo previsto uno psicologo. I giocatori devono essere campioni in campo ma anche nella vita, sono dei modelli per i giovani”

11.08 – Dopo il presidente della Lazio ha parlato il vice capitano della Roma Alessandro Florenzi. “Tutto inizia nella scuola calcio, dove tutti i bambini devono pensare che questo è un gioco e non per forza il loro futuro, tramite cui mantenere la propria famiglia. Noi siamo fortunati. La mia squadra è come una comitiva. Sono caduto due volte e vicino ho avuto i miei compagni pronti a tirarmi su”

11.12 – Ora è il turno di Immobile (video in basso). Visibilmente emozionato il bomber biancoceleste.

11.13 – Il presidente Lotito ha stemperato l’emozione di Ciro scherzandoci su. “In campo supera l’imbarazzo, quando parla in pubblico ancora no”

11.30 – Intervento del Direttore Generale della A.S. Roma Muaro Baldissoni. “Ringraziamo anche noi la Regione Lazio, aderiamo con entusiasmo. La Roma è una piattaforma sociale, deve veicolare dei messaggi. Abbiamo una responsabilità importante. Da anni andiamo nelle scuole per promuovere messaggi contro il bullismo, che vuol dire prepotenza ma anche vigliaccheria. Il più forte con il più debole ma anche un gruppo contro un singolo. Nel calcio una squadra è resa forte dall’aiuto che viene dato al compagno in difficoltà. Così anche in una società, se si aiuta il più debole, si diventa tutti più forti”

11.45 – L’evento “No Bulli” è terminato. Claudio Lotito si è intrattenuto con alcuni cronisti. Il presidente della Lazio ha parlato dell’abbraccio con De Rossi al derby e dei valori umani, per lui fondamentali nello sport e nella vita. Poi ha risposto a una domanda sulla lotta per il quarto posto. “Ce la giochiamo con tutti” ha dichiarato.

 

Il video dell’intervento di Immobile.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Approfondimenti