Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le Cardopagelle

Lazio – Monza, le Cardopagelle: Romero spicca il volo. Ben tornato Ciro

Lazio – Monza, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Provedel 6

Ringrazia il VAR questa volta per l’ennesimo clean sheet stagionale. Perché, a parte il gol annullato a Petagna, di palloni dalle sue parti ne sono arrivati pochi.

Lazzari s.v.

Come una gomma bucata prima dell’ultima curva in un Gran Premio. Il suo infortunio non ci voleva proprio in vista della Juve. Mancherai Speedy, ma ti aspettiamo più forte di prima a gennaio.

Casale 7

Altra partita super. Dopo Abraham si mette in tasca anche Petagna senza troppi patemi (gol annullato a parte). Ormai si è preso la titolarità e se continua così levargliela sarà molto difficile.

Romagnoli 7,5

Carattere, grinta, esperienza, c’è tutto stasera nella prestazione del nostro tifoso in campo. Insuperabile in marcatura e nel gioco aereo, infonde tranquillità anche in una serata dove si è sofferto più del dovuto contro un Monza mai domo.

Hysaj 6

Il Var lo salva dopo che era arrivato in ritardo in copertura su Ciurria, nell’azione del gol annullato a Petagna. Quando passa a destra al posto di Lazzari va meglio e anche lui fa la sua parte per blindare il successo.

Milinkovic 5,5

Il giallo di Manganiello gli ha spezzato il ritmo in una stagione formidabile. Stasera è la prima volta in stagione che l’ho visto in affanno. Non vorrei che il nostro Sergente avesse già la testa in Qatar…

Marcos Antonio 6

A parte un pallone sbagliato nei primi minuti, ancora una volta ci ha fatto vedere che i numeri li ha eccome. Tecnica, qualità, sempre a testa alta e a due tocchi. Per ora un perfetto comprimario. Se crescerà nel tempo si ritaglierà sempre più spazio.

Vecino 6,5

Non è al massimo della forma e si vede. Quel gol mangiato alla mezz’ora del primo tempo grida vendetta. Ma quanto sacrificio per l’uruguagio, che non ha tirato indietro la gamba mai, pur sapendo che tra una settimana avrà un mondiale da giocarsi.

Cancellieri 6-

Dai ragazzo, dai! L’impatto dall’inizio era stato buono. Manca solo un pizzico di cattiveria in più li davanti. Quella che ha messo in campo Luka Romero, dal quale spero prenderà esempio per la seconda parte di stagione.

Felipe Anderson 7

Altra partita di grande sacrificio per Pipe. Dopo il derby passato a sgomitare contro Smalling, oggi ha avuto a che fare con Donati che non lo faceva respirare. Ma gli sono bastate un paio di accelerazioni per generare il panico. Tanto lavoro sporco per lui, meno vistoso ma fondamentale.

Pedro 7,5

Che bomba quel tiro! Di Gregorio non ha trattenuto e Romero ci si è fiondato sopra regalando la vittoria, ma il merito è anche del numero 9. Su quella fascia ha fatto ammattire tutti i difensori brianzoli. Giocatore fonodamentale con la sua esperienza in queste partite un po’ sporche.

Sarri 8

Il coraggio paga, comandante! Non hai avuto timori stavolta nel mandare in campo un giovane rampante e il campo ha detto che la scelta è stata giustissima. Poco male se è servito uno spavento iniziale per svegliare la squadra. Il

Romero 1oo e Lode

Voto da maturità per il nostro Lukito. A una settima dal diventare maggiorenne si e ci regala un gol pesantissimo, che permette di spiccare il volo a lui e alla Lazio. Impatto devastante sulla partita sin dal primo istante, quando è andato a far sentire i tacchetti a uno come Izzo, che di esperienza e scaltrezza non è certo sprovvisto. Ora manca solo una firmetta sul rinnovo di contratto per continuare a festeggiare con tutta la famiglia biancoceleste…

Basic 7

Sostanza e quantità per aiutare Milinkovic in una serata difficile. Ottimo lavoro Toma.

Marusic 6,5

Non era facile entrare a freddo contro un avversario veloce come Ciurria. Ha sofferto un po’ ma alla fine ha portato a casa la pellaccia.

Immobile s.v.

Bentornato Capitano!

Cataldi 7,5

Mezz’ora per confermare l’enorme crescita avuta nelle ultime settimane, consacrata dalla prestazione nel derby. Meriterebbe anche 8, ma mezzo punto glielo levo perché quel pallone recuperato al limite dell’area poteva calciarlo meglio per chiudere la partita.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Le Cardopagelle