Resta in contatto

Casa Lazio

Galatasaray-Lazio, le prove della vigilia: Basic e Zaccagni verso l’esordio europeo, torna Strakosha

Galatasaray-Lazio, si prospetta una squadra rimaneggiata: Sarri concederà chance ai meno impiegati fin qui.

E’ andato in scena in mattinata l’allenamento di rifinitura della Lazio a Formello, prima della partenza per la Turchia prevista alle 15.15 da Fiumicino. Domani il primo impegno europeo della stagione, in casa del Galatasaray alle 18.45. Nella seduta della vigilia Sarri ha diviso la squadra in due gruppi, gli arancioni da una parte (Strakosha, Lazzari, Luiz Felipe, Acerbi, Radu, Milinkovic, Leiva, Basic, Raul Moro, Muriqi, Zaccagni) e gli azzurri dall’altra (Reina, Marusic, Patric, Vavro, Hysaj, Akpa, Escalante, Luis Alberto, Pedro, Immobile, Felipe Anderson). Possibile che il tecnico biancoceleste conceda chance dal primo minuto ai meno impiegati fin qui. A partire da Strakosha, che non è riuscito a ribaltare le gerarchie nemmeno dopo l’addio di Inzaghi, visto che Sarri ha continuato a preferire Reina, almeno nelle prime tre uscite in campionato. Un’occasione da titolare dovrebbe essere concessa anche a Radu, ancora a secco di minuti in questo inizio di stagione: il romeno è stato provato da terzino sinistro e farebbe rifiatare Hysaj. Acerbi confermato al centro insieme a Patric, che lascia a riposo Luiz Felipe, mentre a destra dovrebbe rivedersi Lazzari dal primo minuto. In regia Escalante potrebbe dare il cambio a Leiva, al suo fianco Milinkovic e Basic, quest’ultimo al debutto in Europa dopo aver esordito in campionato contro il Milan. Davanti è ballottaggio Immobile-Muriqi, con il secondo che spera in una maglia da titolare dopo essere sempre subentrato al bomber campano nelle prime tre gare di Serie A. A completare il terzetto offensivo saranno con ogni probabilità Zaccagni e Felipe Anderson.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da Casa Lazio