Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio-Udinese, Inzaghi: “Niente turnover: testa solo a domani. Maradona? Ha lasciato un vuoto enorme”

Alla vigilia di Lazio-Udinese, nella sala stampa di Formello ha parlato in conferenza mister Inzaghi

Simone Inzaghi è intervenuto a Formello in conferenza stampa per parlare della sfida di campionato contro l’Udinese, che si disputerà domani all’Olimpico di Roma alle 12:30.

Ecco le sue dichiarazioni:

Il suo ricordo su Maradona.

“Se ne è andata una leggenda del calcio. Lo ricordo con piacere, nell’ottobre del 2016 quando ci fu la partita della Pace è venuto ad allenarsi qui. Diede calore a tutti.  Sicuramente ha lasciato un vuoto enorme”.

Per domani e mercoledì sta pensando al turnover, ora che ha la possibilità di scegliere?

“Veramente no perché ora ci sono 5 sostituzioni a disposizione. Non ci sono più i panchinari, ci sono rose molto lunghe.  Domani mi mancheranno ancora Muriqi e Lulic che sarebbero stati importanti”.

Domani giocherà Strakosha o Reina?

“Devo ancora decidere, ma sono felice di avere 2 portieri forti”.

Quale partita ti aspetti domani? Ci saranno distrazioni dovute alla gara di mercoledì contro il Borussia Dortmund?

“L’Udinese ha una bella organizzazione di gioco, è una delle migliori difese del campionato ed ha un allenatore che stimo come Gotti. La partita di domani sarà difficile e mi aspetto grande concentrazione”.

Lulic come sta?

“Aveva fatto quindici giorni al massimo, ma è riemerso un piccolo problemino e non sarà in campo in 7 giorni, ma entro l’anno o all’inizio del prossimo tornerà a giocare. Siamo comunque avanti rispetto a quanto mi sarei immaginato”.

Correa può migliorare ancora?

“E’ un giocatore con classe ed intelligenza. Inoltre vuole sempre migliorarsi ed è molto disponibile verso tutti, sono contento di averlo con me”.

Lazio tornata quella del Lockdown?

“Questo solo il tempo potrà dircelo, ma dobbiamo essere bravi a farci trovare sempre nelle migliori condizioni”.

Lazio candidata allo scudetto, se lo sono Milan, Roma e Napoli che sono arrivate sotto l’anno scorso?

“Noi non veniamo mai considerati in griglia di partenza: ormai ci sono abituato. Abbiamo iniziato la stagione con problematiche che non sono dipese da noi, ma sono fiducioso nei confronti della squadra”.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News