Resta in contatto

Giulio Cardone

Lazio – Juventus, le #Cardopagelle: Caicedo modello per gli aspiranti goleador

Lazio - Spal, Felipe Caicedo

#Cardopagelle di Lazio – Juventus firmate dal direttore Giulio Cardone. Biancocelesti sempre nel segno di Felipe Caicedo.

Reina 6

Poteva fare qualcosa di più sul cross di Cuadrado, poi però non sbaglia nulla. Con i piedi – lanci da rifinitore – e con le mani, a partire dalla punizione di Ronaldo.

Luiz Felipe 7.5

Si permette anche un sombrero da urlo a impreziosire una grande partita. È tornato il vero Ramos. E contro attaccanti formidabili.

Acerbi 6

Posizionato male nell’azione dell’1-0, paradossalmente migliora quando gioca da stopper di sinistra e può aiutare la squadra a spingere con continuità. Ma se la Juve non segna in contropiede, è anche merito del Leone stakanovista.

Radu 6

Rientro importante e convincente dopo oltre un mese in infermeria. Intelligente e concreto.

Marusic 6.5

Nel primo tempo dovrebbe provare più spesso a sfondare per cercare il cross, nella ripresa invece diventa pericoloso con un tiro a giro e un colpo di testa: la Juve lo soffre soprattutto quando si sposta sulla fascia sinistra.

Milinkovic 6.5

Prepara un regalino a Muriqi che non si fa trovare all’appuntamento con il gol. Sembra affaticato ma in realtà cresce con il passare dei minuti: gran lavoro, il suo, nella zona dove tutto si decide.

Cataldi 6.5

Partita tatticamente complicata, interpretata con intelligenza da Danilo, bravo a impostare il fraseggio. Inevitabile, per lui che non è Leiva, soffrire in fase di non possesso. Sacrificio e lucidità, complimenti.

Luis Alberto 7

Condizione precaria, giocate eccezionali. Maledettamente penalizzato dall’assenza di Immobile, non trova la rifinitura giusta ma lavora benissimo mille palloni. Ispirato e stanco, è lui a far giocare bene la Lazio.

Fares 5

Forse la sua peggiore partita da quando è alla Lazio: perde il duello con Cuadrado e sbaglia i cross. Speriamo sia solo una questione di fatica dopo tante gare di seguito in condizioni non ottimali.

Correa 7

Primo tempo farraginoso, nella ripresa però iniziative pericolose fino all’ultima, quella trasformata in oro da Caicedone nostro. Ci fa arrabbiare quando è poco concreto e aggressivo, ma deve restare in campo sempre perché in ogni momento può inventare la giocata decisiva. Sì, anche al 95’, in “zona Caicedo”.

Muriqi 5

Non mi è piaciuto nelle due occasioni sotto porta che ha avuto. In particolare sull’assist di Milinkovic, doveva intuirlo prima e farsi trovare pronto. Tanta corsa, d’accordo, ma deve iniziare a concretizzare. Alla Lazio servono i suoi gol, soprattutto quando manca Immobile. E invece il digiuno continua. Non lo aiuta, è vero, il gioco della squadra, più portata al fraseggio e allo sfondamento per vie centrali che al cross.

Caicedo 9

Una palla giocabile, un gol. Io non ho più parole per elogiarlo. La sua lucidità da killer implacabile quando la partita è ormai finita va considerata un modello per gli aspiranti goleador. Da amare senza remore.

Lazzari 6

Niente di memorabile, ma una spinta costante che alla lunga contribuisce a sfiancare la difesa juventina. Rientro importante.

Hoedt 6

Divide con Acerbi e Luiz Felipe il merito di aver protetto la porta di Reina di fronte alle pericolose ripartenze bianconere. E contro Morata non era facile.

Akpa Akpro 7.5

Ammonizione a parte, 20 minuti da incorniciare. Ogni pallone lo gioca benissimo, facendo la cosa giusta in tutte le circostanze, in entrambe le fasi. Finora, il miglior acquisto della Lazio.

Pereira 6

Ragazzo, devi alzare di più questi palloni nei calci piazzati. Ma dimostra personalità perché entra bene in partita e partecipa da protagonista agli assalti finali.

Inzaghi 8

Ancora una volta, la sua banda di pirati si affida al capo nella tempesta e l’arrembaggio riesce. Piano partita coraggiosissimo: affrontare la Juve con una formazione così sbilanciata, senza mediani, può sembrare da incoscienti o da presuntuosi. Invece Simone sa di guidare una squadra ormai consapevole della propria forza, che ha un’identità precisa ed è in grado di dimostrare le sue doti anche contro i campioni d’Italia. Solo applausi, anche per i cambi di nuovo perfetti. Giusto gestire Caicedo così, quando i difensori sono più affaticati e il Panterone può piazzare la zampata vincente.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

E pensare che doveva andare via

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Meno male che è rimasto altrimenti chi ci avrebbe fatto passare momenti così belli 💪💪

LazialeSempre
5 mesi fa

Grande AkAk

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Uno che mette lo stesso voto a Marusic e a Milinkovic, è meglio che si dedichi all’hokey su prato

Alberto Mulè
Alberto Mulè
5 mesi fa

…perfetta, come sempre!

Pietro
Pietro
5 mesi fa

L importanza di acerbi va al di là delle giocate che fa. È fondamentale, dovrebbe patire tutte le partite da 7,5

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Giulio Cardone