Resta in contatto

Casa Lazio

Akpa Akpro si presenta: “Felice di essermi meritato di far parte della squadra”

Altra giornata di presentazioni oggi in casa Lazio. In sala stampa a Formello tocca a Mohamed Fares e Akpa Akpro.

Secondo giro di presentazioni a Formello. Dopo le conferenze di Muriqi e Hoedt ieri, oggi è il turno di Momo Fares e Akpa Akpro. Entrambi, per altro, hanno già esordito in maglia biancoceleste e sabato saranno a disposizione di Inzaghi per il match contro la Sampdoria.

Il direttore sportivo Igli Tare ha introdotto con queste parole il centrocampista ex Salernitana:

Questo è uno dei momenti più belli per me. Sono felicissimo di presentare Akpa Akpro. Un ragazzo che questa maglia l’ha meritata da solo. Noi gli abbiamo dato la possibilità di fare il ritiro con noi. Il resto l’ha detto il campo e il suo modo di essere. È un ragazzo che merita rispetto e considerazione da parte di tutti”.

Il microfono passa al nuovo acquisto:

La forza me la da la mia famiglia, i miei amici. Ogni giorno mi sono ripetuto che non dovevo mollare perché il calcio è troppo bello.

Quando ero a Salerno ho sperato di venire alla Lazio, ma prima di tutto dovevo pensare a giocare bene. Sono venuto qui per aiutare la squadra e la società. Voglio dare il massimo e vedremo alla fine che succederà.

In Francia ho giocato ovunque, sia in difesa sia in attacco. Sono a disposizione del mister. Ho avuto il timore di non essere inserito in lista. Sono felice alla fine di essermi meritato di far parte della squadra. Non mi aspettavo la fiducia da subito. Sono felice e darò tutto per la squadra. 

La mi amicizia con Drogba nasce ai mondiali. Lui mi disse che ero un uomo vero in campo perché davo sempre tutto. Mi ha detto di non cambiare mai“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Brigata Akpa presente. Daje J.D.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "In eterno per noi laziali lui e' e rimarrà per sempre lui il simbolo della nostra amata lazio!!!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile stacca Signori in Serie A

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Casa Lazio