Resta in contatto

Oltre la Lazio

Serie A, Perotti: “I campi in Italia sembrano quelli della terza serie argentina”

Roma, Perotti: "Credo sia giusto tornare a giocare a calcio"

Diego Perotti in un’intervista rilasciata a un’emittente argentina ha usato parole non proprio lusinghiere per descrivere i campi di Serie A.

Er fabbro che n’ce sa fa’ dice che l’attrezzi n’so bboni“. Recita così un detto popolare romano dal significato abbastanza limpido: chi non è bravo in qualcosa cerca pretesti per non ammetterlo. E in un certo senso si adatta bene alle parole che Diego Perotti ha rilasciato all’emittente argentina Espn Redes.

Il calciatore della Roma in un’intervista ha parlato in maniera decisamente poco lusinghiera dei campi della Serie A

Sono un disastro. Vai a giocare col Milan e con l’Inter e sembra il campo del Deportivo Moròn (squadra di terza serie argentina, ndr). Non so se si tratta di una questione climatica o altro. In Spagna andavo a giocare con l’Almeria, che era ultima, e il campo era perfetto”.

Ad onor del vero, non ha tutti i torti. Le condizioni in cui versano molti impianti sportivi in Italia (calcistici, ma non solo), sono a dir poco pietose. Eppure questa frase, detta da un giocatore discontinuo nel rendimento, spesso infortunato e che gioca in una squadra non certo brillante negli ultimi anni per prestazioni e risultati, suona molto come una scusa. E arrivare addirittura a paragonare San Siro con un campo da serie C sembra decisamente eccessivo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Oltre la Lazio