Resta in contatto

News

Parolo: “Vogliamo inseguire il sogno. Costringeremo i romanisti a un’altra quarantena”

Lazio, Marco Parolo

Marco Parolo è intervenuto durante il derby “Tutti contro Covid”, in corso in queste ore. Le parole del centrocampista in vista della ripartenza.

Si disputa questa domenica il derby di beneficenza “Tutti contro Covid”. Una gara di solidarietà tra Roma e Lazio, nel corso della quale è intervenuto Marco Parolo a dire la sua, anche in vista della ripresa della serie A.

Chiedo l’intervento del VAR, non si sa mai”, ha detto il centrocampista, dopo che la Roma ha raggiunto la prima quota-traguardo per segnare idealmente il gol del vantaggio. Poi ha raccontato come lui sta vivendo questo periodo.

“C’è tanta ansia, ma fortunatamente la zona in cui vivono la mia famiglia e i miei amici è stata colpita marginalmente rispetto a Milano sud (Parolo è di Gallarate, ndr) o alla zona di Bergamo. La situazione difficile, molti hanno perso i propri cari. Io ho preso tanto dagli insegnamenti  dei miei nonni. Sono tutte persone che  devono esserci per aiutare a crescere ognuno, facendogli dare il massimo di ciò che può essere. La pausa forzata, comunque, mi ha permesso di rallentare un po’ con la testa,  di staccare per un momento e allentare la tensione. Mi sono goduto di più mio figlio e mi sono trovato a rifare tante piccole cose che magari facevo da bambino. Cercherò di essere una persona migliore quando si ripartirà, dovremo far tesoro di quanto abbiamo imparato”.

Proprio sulla possibile ripresa della Serie A ha detto:

“Noi ci stiamo preparando. Piano piano si sta riaccendendo anche un po’ la testa. Attendiamo che tutto venga definito nel rispetto delle norme. Vogliamo tornare ad essere una gioia per gli italiani. Tra di noi, nella Lazio, c’è tanta voglia di inseguire questo sogno. Sarebbe bello colorare Roma di biancoceleste: costringeremo i romanisti a fare la quarantena in un altro modo (ride, ndr). Lo stadio senza tifosi è complicato. Quando è pieno vuol dire adrenalina, emozione. Non avere la gente con noi sarà difficile. Io ho sempre notato la differenza quando ho giocato a porte chiuse”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News