Resta in contatto

News

Serie A, Gravina: “Non abbiamo scadenze per finire la stagione”

Gravina: "Amareggiato di dover contrastare l'oscurantismo verso il calcio"

Il presidente della FIGC è intervenuto quest’oggi ai microfoni di Sky Sport per ribadire nuovamente l’intenzione di concludere la Serie A

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per parlare delle conseguenze sul mondo del calcio del Coronavirus e dell’intenzione di concludere la Serie A non appena possibile.

“I campionati ricominceranno quando ci sarà la garanzia per la tutela della salute. Siamo in contatto con il ministro dello Sport e della Salute e mercoledì 15 avremo una riunione del comitato scientifico federale e comunicheremo a tutte le Leghe la nostra procedura che verrà fatta applicare. Inizieremo, possibilmente entro fine mese, i test per garantire la negatività di tutti i protagonisti e dopo partiranno gli allenamenti e poi i campionati.

Noi oggi siamo nelle condizioni di rispettare le indicazioni del Governo e non possiamo rischiare. Ma abbiamo anche l’esigenza di completare i campionati. Perchè se ci fosse l’annullamento e il non completamento della stagione le conseguenza sarebbero molto negative. L’idea per ripartire è rispettare le strutture in uso alle società. Se questo non fosse possibile avremo soluzioni alternative.

Non esiste una scadenza per la fine della stagione: la Fifa ha indicato di finire prima la vecchia stagione e poi di iniziare la nuova e noi la seguiremo. L’idea quindi è di completare i campionati ove questo sia possibile.

Il calcio italiano ha sempre rappresentato un momento di grande aggregazione e passione. Dobbiamo però evitare le divisioni perché soltanto tutti insieme possiamo dare un messaggio di speranza.

Il calcio ha sempre segnato un momento di ripartenza, pensiamo agli ultimi terremoti che hanno colpito la nostra nazione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News