Resta in contatto

News

Corriere dello Sport, Cruz. “Sinisa e Simone, due fenomeni”

L’ex attaccante Julio Cruz, intervistato dal Corriere dello Sport, parla di due suoi vecchi compagni di squadra, oggi allenatori.

Ex centravanti di Bologna, Inter e Lazio, Julio “el jardinero” Cruz è stato intervistato dal Corriere dello Sport. Ha annunciato che dall’anno prossimo tornerà a vivere in Italia, dove vuole portare a giocare anche suo figlio. Oggi è al Banfield, in Argentina, ma ha già preso contatti con alcuni osservatori di club di Serie A.

Nella chiacchierata, non ha risparmiato apprezzamenti per due suoi compagni di squadra: Mihajlovic e Simone Inzaghi.

Sinisa non è un uomo. È una belva. La mia famiglia è molto legata alla sua, le nostre mogli parlano spesso al telefono. Il Bologna è Sinsa, ha addosso il suo spirito. Quando giocavo con lui nell’Inter, appena si accorgeva che qualcuno abbassava la testa, cominciava a urlare per scuoterlo. Lui era sempre concentrato e correva sempre. DI conseguenza pretendeva che tutta la squadra si comportasse come lui. Il Bologna è sempre propositivo per questo, non da mai l’impressione di fare il compitino, perché questa è un’altra cosa che Sinisa non sopportava. Se pretendeva che un suo compagno si assumesse le proprio responsabilità, è facile immaginare che lo voglia ancora di più ora da un suo giocatore. Sinisa è un grandissimo“.

Simone è un ragazzo meraviglioso, che merita tutte le gioie del mondo. Ed è anche un grandissimo allenatore, perché la Lazio gioca a memoria, sembra un orologio svizzero per quanto è precisa. Lui e Sinisa sono stati due compagni meravigliosi. Voglio bene a entrambi. Per me la Lazio ha reso la vita ancora più complicata alla Roma, che già aveva i suoi guai con gli addii al veleno di Totti e De Rossi. Hanno tanti giovani di qualità, ma stanno pagando, al livello ambientale, la crescita della Lazio in questi ultimi anni“.

E da bomber di razza com’era, alla domanda su quale attaccante italiano metterebbe tra i big d’Europa, Cruz non ha dubbi.

Ciro Immobile. È una forza della natura, lotta sulle prime e sulle seconde palle, gioca per la squadra, in area è un’ira di Dio, fa tantissimi gol. Ciro meriterebbe di giocare in tutte le grandi squadre di Champions League“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News