Resta in contatto

Editoriali

19 marzo, auguri e grazie al mio papà

Oggi è la festa del papà. Auguri, ringraziamenti e ricordi a tinte biancocelesti per una delle persone più importanti della vita.

Il mio papà è il migliore di tutti. Basterebbe questo pensierino da prima elementare, che può valere un po’ per chiunque, per descrivere l’importanza di un padre nella vita dei suoi figli. Una frase carica di tutto l’affetto e l’attaccamento emotivo possibile, come solo un bambino sa esprimere. Se poi il destino ve ne ha dato uno che vi ha trasmesso la passione per la Lazio, allora oggi, per la sua festa, oltre gli auguri, dovete anche ringraziarlo.

Io al mio l’ho già detto. Per tutto quello che ha fatto e fa per me e perché, anche con l’aiuto del suo papà, mi ha insegnato a essere laziale. Lui che della ”  storia moderna” biancoceleste ha visto praticamente tutto. È nato a gennaio del 1958, quindi, tecnicamente, c’era quando Lovati alzò al cielo la prima Coppa Italia. Certo, non può raccontarmelo. E ormai non può farlo nemmeno mio nonno. Ma di tutto il resto, negli anni, mi ha spiegato per filo e per segno ogni dettaglio. L’infanzia nei difficili anni ’60. L’epopea dell’era Maestrelli e la gioia del primo scudetto. Lo sgomento per la morte di Re Cecconi. La delusione per gli episodi del totonero. Chiodi che tira sul palo il rigore decisivo per tonare in A. La sua totale indifferenza il 30 maggio 1984, perché lui è “tifoso di” (o almeno questo è quello che ha sempre voluto far credere), non “anti“.

E poi sono arrivato io. Comodi gli anni ’90. Però proprio lì i suoi racconti sono stati importanti. Mi sembrava assurdo che una squadra così forte avesse vinto una sola volta il campionato. Lui mi fece capire.

La prima volta allo stadio insieme avevo 7 anni. 10 maggio 1998. Lazio – Fiorentina. Sotto di 3 gol al 41′. Una partita senza valore di fine campionato. Poco prima dell’intervallo, autogol di Serena per il 3-1. Lì, con papà, ho imparato a esultare. Perché se lo faceva lui, che era stato a 9 minuti di distanza dalla serie C, allora tutto sommato, potevo essere felice anche io. A prescindere. Alla fine, per la cronaca, perdemmo 4-1. Ma io non vedevo l’ora di tornarci all’Olimpico.

Per questo e per tutto il resto, probabilmente anche più importante del calcio, te lo ripeto anche qui: auguri di cuore papà. E grazie.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Editoriali