Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio senza gol: al San Paolo è stata solo la terza volta in stagione

La Lazio di Inzaghi ha il sapore di Roberto Mancini

La Lazio è uscita sconfitta dal San Paolo senza riuscire nemmeno a segnare un gol. È solo la terza volta che capita in questa stagione.

Solo la sfortuna ha fermato la macchina da gol biancoceleste. La sconfitta col Napoli in Coppa Italia, paradossalmente, sottolinea una volta in più quanto devastante sia l’attacco della Lazio in questa stagione. Vedere la rete avversaria inviolata quest’anno è stata un’autentica rarità: ieri sera è successo solo per la terza volta in assoluto.

Era accaduto contro l’Inter, a Milano il 25 settembre. Un altro 1-0 nel quale gli uomini di Simone Inzaghi sprecarono almeno tre ottime occasioni per agguantare il pareggio. In quella partita però ci fu anche un super Handanovic a ostacolare le aquile.

La seconda è stata poco più di un mese fa. Il 12 dicembre contro il Rennes in Europa League. Competizione partita male e finita peggio. Il 2-0 maturato in Francia, con una pessima prestazione di tutti, fu in parte figlio di una situazione nel girone già abbondantemente compromessa nei precedenti incontri.

Ieri sera lo scivolone di Immobile da dischetto, due reti annullate (giustamente, va detto) per fuorigioco, due legni e il catenaccio totale dei partenopei nel secondo tempo hanno reso inoffensivo l’attacco laziale. Fin’ora sono cinquantanove i gol messi a segno dalla prima squadra della Capitale in ventotto incontri disputati, in tutte le competizioni. Ben quindici i marcatori diversi. Un potenziale offensivo che i tifosi sperano di vedere nuovamente scatenato già nel prossimo incontro contro la Roma.

Come al San Paolo, proprio il derby d’andata, per altro, era stata un’altra partita stregata. La sfortuna iniziò a mettere i bastoni fra le ruote di Lulic e compagni sin dalle prime battute, con il palo colto da Leiva dopo soli 4 minuti. Poi il gol di Dzeko, su rigore concesso per un rimpallo fortuito sul braccio largo di Milinkovic. Seguirono altri quattro montanti, tra pali e traverse, oltre a diversi tiri respinti o usciti di centimetri, prima dell’1-1 di Luis Alberto. Si trattò del primo segnale del fatto che solo la dea bendata può fermare questa Lazio.

 

Partecipa al sondaggio per eleggere la top 11 all time biancoceleste.

120 anni di Lazio, vota la top 11 di sempre: i centravanti

2 Commenti

2
Lascia un commento

avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sempre forza Lazio 💙 💙 💙 💙 💙 💙

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Doveva andare così!!! Anche il pareggio gli sarebbe stato stretto!!!

Advertisement

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Signori.Che Spettacolo.Beppegool. il Capitano."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mitoche non dimenticherò mai"
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron, Almeyda, Simeone, Sergio Conceicao, Nedved...una squadra stretodferica, un centrocampo stellare, lui, Juan Sebastian, uomo ovunque, leader in..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti