Resta in contatto

Editoriali

I fatti di Potenza: non si può morire di calcio

Un altro sconvolgente episodio di violenza che ha portato alla morte un ragazzo, investito dall’auto guidata da tifosi della squadra avversaria.

di Antonello Ferroni

Uno sconvolgente bollettino di guerra, l’ennesimo episodio di follia e violenza che macchia di sangue il nostro calcio e le nostre domeniche.

Stavolta è Fabio a non tornare più a casa, vittima di una rissa tra bande ultrà del potentino finita in tragedia a Vaglio di Basilicata, in un’area di servizio della statale Basentana, tra sostenitori del Melfi e della Vultur Rionero, squadre del locale campionato di Eccellenza che sarebbero dovute scendere in campo rispettivamente a Tolve e Brienza, protagoniste da anni all’insegna di una accesa rivalità. Fabio Tucciariello, operaio Fiat di 39 anni è stato investito da una Punto con a bordo sostenitori del Melfi ed è morto sul colpo, mentre altri tre tifosi della Vultur sono rimasti feriti. Uno è particolarmente grave per un politrauma a braccia e gambe ed è ricoverato al San Carlo di Potenza dove è stato sottoposto con urgenza a intervento chirurgico. Pare che l’incontro non fosse casuale, probabilmente un appuntamento, l’ennesima resa dei conti tra due fazioni che nel corso degli ultimi due anni tra risse e baruffe si sono viste recapitare 24 Daspo.

Le Forze dell’Ordine sono intervenute immediatamente e hanno fermato i protagonisti, sottoposti ad interrogatorio. Il quadro che ne scaturisce è desolante, si lavora sulla pista dell’azione premeditata dato che sul posto sono stati trovati e sequestrati spranghe e tirapugni. Sono state arrestate 25 persone tra cui un trentenne di Melfi, l’uomo che sarebbe stato alla guida della Punto. E’ stato convocato con urgenza il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Lo diciamo con immensa tristezza: nulla di nuovo, nulla di inatteso. Nulla che abbia a che vedere con il calcio e lo sport, ormai pretesti per la violenza gratuita, per delinquere nel nome di presunti ideali o di una pseudo fede calcistica, per compiere misfatti negli stadi ma anche, come in questo caso, ben lontani da uno stadio e a distanza di ore dalla partita.

Tutti siamo tifosi di qualcosa o di qualcuno, ma troppo spesso la passione porta alla morte, alla violenza nei confronti del prossimo con il pretesto di quello che dovrebbe essere una festa e uno svago, diventa fonte di dolore incommensurabile per una madre o per una famiglia. Non si può e non si deve morire per andare a vedere la squadra del cuore.

 

 foto da ufficiostampabasilicata.it
Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mito che purtroppo ho vissuto troppo poco,avevo appena 9 anni,allo stadio non mi portava nessuno,anche se le partite si vedevano poco bene e i..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Editoriali